di

Antonin Artaud

Nessuno ha mai scritto, dipinto, scolpito, modellato, costruito o inventato se non per uscire letteralmente dall’inferno.

5 commenti

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • ..negativo. non sono daccordo.. Quando un neonato ha mangiato e dormito a suo piacimento,farfuglia una specie di motivo musicale che per un adulto on significa nulla,ma pr il piccolo e’ vera musica. E’ il suo primo contributo all’arte…!

  • bello Alberto, è vero, i bambini lo sanno! Poi, però, c’è l’Arte consapevole, stratificata, plurilinguistica, che è quella degli adulti. E lì Artaud dice bene e dice giusto, almeno io credo.

  • ..trovo sconveniente applicare la parola “inferno”in una emanazione artistica..parrebbe che l’arte e’ una terapia per uscire da una depressione.. Si puo’ avere il desiderio di creare cose solo per il piacere di crearle..io credo. Antonin Artaud e’ soggettivo..! ..ma gli consiglio un po’ di yoga..

  • ehhh, Alberto, forse dall’alto del suo Paradiso o Inferno – magari Purgatorio – Antonin ti ascolterà e magari accetterà il consiglio, con tutto il suo Teatro della Crudeltà…

La frase della settimana…

Loading

Archivi PDF

Gli articoli non più online li trovi negli Archivi:
Articoli in PDF per mese