di

Barbara Martusciello, Laura Traversi

(…) sappiamo bene – e in molti dovrebbero rifletterci – quanto il creare un’emozione culturale e umana così intensa da risultare desiderabile e ripetibile sia alla base di una duratura valorizzazione dei siti d’arte (…). Quindi: data la qualità di un sito o di un oggetto d’arte, ci si deve lavorare per tutelarlo, valorizzarlo ed esaltarlo, facilitando il suo attestarsi come luogo/sito/evento emozionante e come tale comunicandolo: a tal punto da farne un ineludibile punto di riferimento da non perdere ma soprattutto da rivedere (…), da rivivere più e più volte (Assisi e Giotto; Pompei ed Ercolano; Venezia e le sue Biennali etc.). Un semplice procedere, questo, ma a quanto pare in Italia disatteso da chi di dovere. Allora noi dobbiamo ricordarglielo…

1 commento

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • concordo e condivido appieno quanto citato da Laura Traversi..l’arte non deve essere un baluardo per sopravvivere,ma vivere liberamente ..libera di espandersi in tutte le sue possibili pseudo dimensioni..sempre!

Rubriche

ArtApartEvents 2016

Dona ora!