Gattinoni: Mario Monti dress, da AltaRoma l’omaggio alla Rinascita dell’economia italiana

Gattinoni dress - ph BarrellaFanciulle dall’eterea soavità abitano universi siderali. La classe, la grazia, il potere. Lucrezia Borgia, Caterina Sforza, Isabella d’Este fuggono dal passato e diventano contemporanee eroine del Cosmo-Rinascimento di Guillermo Mariotto per la collezione Gattinoni Couture Primavera-Estate 2012.

Un Rinascimento rivisitato, decontestualizzato attraverso seduzioni tradotte in abiti linge-couture. E poi un omaggio ai Maya, ai loro messaggi profetici (che sarebbero da trattare meglio della loro traduzione in stupide superstizioni!), ai simboli del loro calendario. Il 2012 è visto dalla maison come un anno di possibile rinascita culturale e politica dell’Italia; un’illuminazione collettiva che permetta un cambiamento di vita vero, reale, concreto, afferrabile, attraverso il sapere, la ricerca, l’innovazione, la bellezza (estetica ma anche etica!), le corrispondenze…, concetti che possono e devono passare anche nella e con la Moda; temi dominanti per la prossima Primavera-Estate che Guillermo Mariotto ha scelto – con le proporzioni e il colore – per la collezione Gattinoni Couture che si è vista sfilare nella Sala Lancisi del Santo Spirito in Sassia a Roma.

L’immagine di questo cambiamento è realizzata da Antonio Barrella, che cattura con l’obiettivo il Monti dress dedicato al protagonista dell’auspicata rinascita dell’economia italiana che non è ancora realizzata ma è in potenziale volata, in gestazione.

Impalpabili organze velano il corpo della Top Model Adela Novotna all’ottavo mese di gravidanza: una donna vera, meno conforme alla femme patinata e fittizia che la Moda e i Media impongono da troppo tempo; Adele è raggiante, la sua è una bellezza intelligente e colta e sembra, proprio per questo, una divinità. Sull’abito che indossa vediamo migliaia di banconote di vari tagli, sfumate sulle tonalità del bianco, del nero, del verde e del glicine: i colori dell’euro. Sul capo ha l’elmo disegnato da Leonardo da Vinci, rivisitato da Mariotto e realizzato in pvc grazie alla maestria della tradizione artigiana di Velia, una delle storiche modiste di Roma.

Una creazione, questa, porte-bonheur: un abito prémaman, una metafora di (ri)nascita del Bel Paese ma anche dell’haute couture, espressione massima della creatività e dell’eccellenza del Made in Italy.

  •  ph: Antonio Barrella
  • stylist Francesco@Gattinoni
  • ass.stylist Lucia de Grimani
  • model Adela Novotna
  • mua Dan FaceDesign
  • hair Christian@RobertoD’antonio

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 + = 14

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>