Elliott Erwitt. Fifty Kids

Cani e bambini: il legame sembra naturale per Elliott Erwitt (vero nome Elio Romano Ervitz, è nato a Parigi nel1928, vive a New York).

Non ho preconcetti, scatto immagini così come le vedo.”, questa è la filosofia del fotografo che ritroviamo anche nel percorso espositivo di Fifty kids (a cura di Chiara Massimello). Organizzata da Civita a Palazzo Incontro, la mostra fa parte di un progetto a sostegno di A.D.I.S.C.O. – Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale.

Il cursore diretto sulle immagini visualizzerà le didascalie; cliccare sulle stesse per ingrandire.


Una vita movimentata quella di Erwitt che deve all’incontro magico con Edward Steichen, Robert Capa e Roy Stryker – a New York nel ’48 – l’iniziazione ad una brillante carriera professionale: nel ’53 Capa lo inviterà ufficialmente ad entrare a far parte della Magnum.

La sua infanzia, però, come sottolinea puntualmente non fu così felice. Era figlio di russi (ebreo dal lato materno) che fecero tappa a Parigi e Milano, dove Elio Romano frequentò le scuole elementari prima di trasferirsi nuovamente nella capitale francese a causa delle leggi razziali, e da lì emigrare a New York e, nel 1941, a Los Angeles.

Tra i cinquanta scatti in bianco e nero, in parte inediti, della mostra non poteva mancare quello datato 1953: un triangolo di sguardi nella stanza dell’appartamento newyorkese, con il gatto che osserva la scena del neonato nudo sul letto e la neomamma che guarda innamorata il suo bambino. Un’immagine che appartiene all’album del fotografo (la prima moglie insieme a Ellen, la prima figlia), la cui famiglia – nel tempo – si è allargata arrivando ad annoverare in tutto sei figli e cinque nipoti.

Tra le altre foto care, sempre del ’53, l’immagine che inquadra lo sguardo intenso tra il grande Edward Steichen e la piccola Ellen; i figli Sasha e Amy a East Hampton nel 1981: Sasha urla e Amy si tappa le orecchie; ancora la figlia Amy seduta sul sedile posteriore della limousine accanto a Andy Warhol (serissimi entrambi) a New York nel 1986.

C’è anche la mamma di spalle con il bambino in braccio che frigna, nell’atto di togliere una teglia dal forno, e gli altri due bimbi uno sul seggiolone e l’altro che osserva la scena, nella cucina della casa di New Rochel, New York 1955. “Il normale caos di una famiglia con tanti bambini”, come spiega lo stesso autore, nel caso specifico investito del ruolo di padre e marito.

Sono bambini fondamentalmente privi della spensieratezza che dovrebbe connotare l’infanzia, quelli intercettati da Erwitt. Gli sguardi dei bambini afghani, messicani, brasiliani conoscono le difficoltà della vita, esattamente come quelli veneziani fotografati nel 1949.

Anche quando giocano a fare i toreri, ballano il tango, suonano il pianoforte, dipingono come maestri dell’Ottocento… sembrano bambini intrappolati in dinamiche più grandi di loro, come quello di spalle che osserva Guernica al Museo Reina Sofia di Madrid nel 1995 o il piccolo cowboy del Wyoming fotografato in tre diversi momenti nel 1954, ma soprattutto il ragazzino di colore che sorridendo si punta la pistola giocattolo alla tempia (Pittsburgh, Pennsylvania 1950).

Dov’è l’ironia di Erwitt, sottile e talvolta caustica?

Info

  • Elliott Erwitt. Fifty kids
  • a cura di Chiara Massimello
  • Dal 15 dicembre 2012 al 17 marzo 2013
  • Palazzo Incontro, Roma
  • Organizzazione e produzione: Civita
  • Catalogo i cui proventi sono devoluti a favore di A.D.I.S.C.O.
  • www.fandangoincontro.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


4 + 4 =

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>