di

Dal Myanmar le immagini di Teatro Deluxe. Un diario che è anche ispirazione

Raccontano  Vera Suprani e Claudio Oliva, da poco rientrati dal Myanmar che “partecipare ad un festival internazionale sito ad undicimila chilometri dall’Italia è un’importante occasione per verificare la comunicatività del proprio lavoro mettendolo in contatto con differenti culture, ma anche una grande esperienza personale e professionale per gli artisti. Nelle nostre intenzioni il viaggio in Birmania avrebbe dovuto, come è in effetti stato, soddisfare ambedue queste condizioni. Il Myanmar (da qualche anno è questo il nome ufficiale dello stato in tutto il mondo) è una terra difficile non tanto a causa dei suoi abitanti-un popolo mite e bendisposto verso gli stranieri-quanto per le proibitive condizioni sociopolitiche ed economiche in cui da troppo tempo versa il paese, governato per decenni da una feroce dittatura militare: Teatro Deluxe ha deciso di attraversarlo per 28 giorni”. Da questo viaggio hanno riportato impressioni ed immagini che affidano ai lettori di art a part of cult(ure)  con una “galleria che costituisce il diario per immagini di un vissuto testimoniale e partecipe del mondo con cui ci si è relazionati. Parte proprio da qui la scelta di raccogliere materiale video-fotografico per la realizzazione dei progetti artistici Tribe ed Elementa”.

Il cursore diretto sulle immagini visualizzerà le didascalie; cliccare sulle stesse per ingrandire.

2 commenti

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

La frase della settimana…

Loading

Archivi PDF

Gli articoli non più online li trovi negli Archivi:
Articoli in PDF per mese