di

Libri Come. Filosofia con Umberto Galimberti, Giorgio Agamben e Massimo Cacciari

Ecco le immagini di alcuni degli incontri di sabato 16 marzo a “Libri Come” Festa del libro e della lettura all’Auditorium Parco della Musica di Roma: Umberto Galimberti che ha parlato di Cristianesimo e modernità rispetto al concetto del sacro per l’uomo moderno emancipato e insofferente verso gli obblighi morali; Ritanna Armeni, Stefano Fassina e Gabriele Polo che hanno parlato de L’Italia del lavoro negato;   Lidia RaveraRoberto Cotroneo che hanno presentato il libro di Sandra Petrignani  Addio a Roma, Giorgio Agamben  che ha presentato Come un legame: Charles Baudelaire e Walter Benjamin ed infine Massimo Cacciari ed il suo libro Come il potere: San Paolo e Il Principe che analizza come il Cristianesimo duemila anni fa, diede all’uomo una libertà tragica, spezzò ogni radicamento nella tradizione e  gettò l’uomo nel mare in tempesta, lasciandogli un’etica nuova, fondata sul libero arbitrio.

Il cursore diretto sulle immagini visualizzerà le didascalie; cliccare sulle stesse per ingrandire.

1 commento

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Il relativismo di Umberto Galimberti
    da “Cristianesimo”, p. 142:
    “[…] per la stessa ragione Endos interroga Davide con queste parole: Perché vuoi mettere un cappio intorno alla mia nefeš così da farmi morire? (1 Samuele, 28, 9).
    Il filosofo di nome Galimberti “si impanca con arroganza” e predica che per affrontare “disagi”, “problemi” ecc., che vive il nostro tempo, “la cultura è la chiave di svolta”.
    Ora, scrivendo “Endos interroga Davide”, il Galimberti non solo dà segno d’incultura, perché è un’asineria, ma è chiaro altresì che lui non ha mai letto il cap. 28 di 1 Samuele, altrimenti si sarebbe forse accorto che la negromante di Endor, nome di luogo geografico, e non “Endos” nome proprio, non ha mai detto queste parole a Davide, bensì a Saul, che in quel frangente era pure travestito e perciò irriconoscibile.
    La stessa asineria è già presente in Psichiatria e fenomenologia, uscito nel 1979, alla p. 87, e tutto il cap. 2. La religione biblica e la maledizione della carne, della Parte prima, è fabbricato con plagi a H. W. Wolff, G. Barbaglio, A. Marranzini, O. Cullmann, ecc., documentato con il saggio Ezio Mauro e l’asinus in cathedra nel sito del sottoscritto http://www.altierivincincenzo.it, alla sezione “il paese dei ciarlosofi”.
    La stessa asineria è pure presente in Orme del sacro, alle pp. 97-98, ecc.
    Solo a fronte di questi piccoli esempi, il “relativismo culturale” di Galimberti non è l’“anticamera del nichilismo”, bensì un tragicomico nonché pernicioso nichilismo …
    Vincenzo Altieri

Rubriche

ArtApartEvents 2016

Dona ora!