di

Gnam, Roma: nuova iniziativa. L’artista, L’Opera, Il Museo, sabato 4 maggio

foto Ceroli Mambor Lombardo Kounellis  Diacono, 1964
foto Ceroli Mambor Lombardo Kounellis Diacono, 1964

L’ARTISTA, L’OPERA, IL MUSEO proposto dalla Gnam, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, si iscrive nella lunga tradizione che vuole l’istituzione volta anche a un intento divulgativo.

In questa nuova iniziativa sono riproposte al pubblico, in chiave più dinamica, le opere degli artisti della Galleria alla presenza dei loro autori; così, di volta in volta, un artista e uno  storico dell’arte, un critico o un curatore dialogheranno parlando del lavoro esposto, raccontando della ricerca che l’ha motivato, la storia del periodo che l’ha visto nascere…

Ogni sabato si è ripetuto un incontroe, dopo marzo, con i binomi Gianfranco Baruchello – Maura Favero (per l’opera Louis Philippe to Miocene, 1967), Giosetta Fioroni – Carla Subrizi (La ragazza della TV, 1964), Luca Maria Patella – Angelandreina Rorro (Duchamp dis-enameled / the wrong and the richt bed, 1983-1984), Sandro Chia – Maria Vittoria Marini Clarelli (Boy and dog, 1983), e quelli di aprile con Alfredo Pirri – Paola Ugolini (per l’installazione site-specific Passi, 2011), Isabella Ducrot -Silvia Ronchey (Rimpianto dei Buddha di Bamiyan, 2001), l”iniziativa prosegue a maggio:

Galleria Nazionale Arte Moderna Roma
Galleria Nazionale Arte Moderna Roma

sabato 4,  h. 16.00 – sala 30 – Renato Mambor, Aereoplano azzurro, 1965-1966 con Barbara Martusciello

“La sagoma azzurra di un aereo, dipinta su tela grezza, raccogliticcia, è disposta davanti a un disegno architettonico che accosta l’alzato di un portico e una planimetria curvilinea. Il quadro è, anche esteticamente parlando, uno dei più riusciti di Mambor poco interessato, in quegli anni, alla ricerca di una bellezza formale quanto, piuttosto, a rendere un equilibrio e un rigore volti a suggerire una neutralità della raffigurazione.

L’opera, dono di Renato Mambor a Vittorio Rubiu, che presentò la mostra Mario Ceroli, Ranato Mambor, Cesare Tacchi alla Galleria La Fornarina di Roma, fa parte di una produzione tra le più importanti dell’artista: si tratta di quei pionieristici Ricalchi realizzati nel 1964/1966. In essi è evidente una ricerca orientata a un processo costante di raffreddamento delle idee e di quella eliminazione dell’io dal quadro che coinvolse, diversamente ma con più di qualche affinità, molti sperimentatori di un’intera generazione di artisti a Roma.”.  B. M.

Info

  • GNAM, Viale delle Belle Arti 131
  • Biglietti – Integrato Mostre e Galleria: intero: € 12,00
  • ridotto: € 9,50 aventi diritto; Speciale Mostre: € 7,00 riservato ad aventi diritto; gratuito aventi diritto
  • Orari – da martedì a domenica ore 8.30 – 19.30; lunedì chiuso. Mostre temporanee: da martedì a domenica ore 10.30 – 19.30. L’ingresso è consentito fino a 45 minuti prima della chiusura
  • Centralino: 06 322 98 1 – Fax: 06 322 15 79  – mail: s-gnam@beniculturali.it
  • La Lesson è inclusa nel biglietto del museo

Commenta

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Rubriche

ArtApartEvents 2016

Dona ora!