di

La mostra che non ho visto #31. Luca Maria Patella

Luca Maria Patella, ritratto fotografico © Rosa Foschi
Luca Maria Patella
ritratto fotografico © Rosa Foschi

La mostra che spero di vedere è quella delle Fotografie di Arthur
(cioè, quelle che ha realizzato in Africa, dopo lunghe attese..).
… Al o del (?) grandissimo (amico) Rimbaud, aggiungo un augurio:


eh, si, qui ti “spiegherò” qualcosa di questa poesiola (ca del 27. 3): la dispiego e amplio, per dirti di cosa tratti: – mi viene in mente una strada di terra battuta, che sale. La strada (ributtata in qua?) sta di fronte a Villa Bianca (villa della omonima nonna) … e ricordo.. quando, in illuminatissime notti estive
[Dante parla di “intepidare il freddo della luna”, e poi dello “scemo della luna”; Virgilius dice “silentia lunae”] stavo nelle stanze in alto e guardavo dormire le cugine bambine come me. – Poi, quella strada (con la Vespa) la percorrevamo con Lei [Rosa /e/o l’Inconscio Femminile] e progettavamo cose, …forse realizzate in parte? –

men talmente..


Vedo questa strada
battuta e ributtata
sassi che sputano
bianchi o altri..


L’idea della luna (*)
tondissima e forte
nella notte a giorno
con loro che dormono
quassù: che fresco!


O andando con Lei
e pensando di fare cose
grandi che.. forse abbiamo
fatto e detto:
così!


(*) intepidare il freddo della luna? e poi, lo scemo della luna.


[ti potrei anche dire: mentalmente/ribattuta /spuntano ..
nonché accorpare i 3 brani, come erano già] .. ma ..

© Luca Maria Patella, 2013

1 commento

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

La frase della settimana…

Loading

Archivi PDF

Gli articoli non più online li trovi negli Archivi:
Articoli in PDF per mese