di

La petizione funziona! Senato approva Decreto valore Cultura. contributo di Stefano Boeri

 

Liverpool: Th Cavern club
Liverpool: Th Cavern club

Ne avevamo parlato tempo fa: ci siamo attivati. E qualche minuto fa, il Senato ha approvato il Decreto valore Cultura presentato del Ministro Bray: tale documento accoglie una norma importante,  come ci aggiorna Stefano Boeri, che ha acceso la raccolta di firme su Change.org che ha visto adesioni entusiaste e numerosissime:

“Il decreto introduce una semplice autocertificazione da consegnare in Comune, al calvario di licenze e autorizzazioni oggi necessari per organizzare un concerto con meno di 200 spettatori entro le 24.
Il Decreto deve essere approvato dalla Camera entro l’8 ottobre.
Da quel giorno in Italia sarà più facile produrre, suonare, ospitare ed ascoltare musica dal vivo. Una linfa vitale che dà lavoro e diffonde cultura a migliaia di cittadine e cittadini italiani.
È un primo importante passo per rendere più libera la musica dal vivo.
Ringrazio voi, ovvero i 36mila firmatari che hanno sostenuto la petizione al Ministro Bray il quale nel Giugno scorso ha lanciato la proposta dell’autocertificazione.
Ringrazio tutti i media che hanno sostenuto la nostra campagna.
Ringrazio il Ministro che ha subito risposto alla petizione e seguito con attenzione l’iter dell’emendamento.
Ringrazio i numerosi senatori e i deputati che hanno costruito le condizioni per questo voto – a cominciare dal Presidente della Commissione Cultura del Senato Andrea Marcucci e dai deputati Rampi, Bonomo e Costantino.
Ringrazio le associazioni come l’Arci, Assomusica, Mei, Anci e le amministrazioni comunali come Udine e Portogruaro che hanno sostenuto con forza questa battaglia.
Da domani la sfida per moltiplicare le occasioni di musica dal vivo – nel rispetto di tutti: musicisti, utenti, residenti- prosegue. Prosegue su altri temi cruciali per la musica dal vivo, come quello delle tariffe per il diritto d’autore (a partire da un Ordine del Giorno approvato dal Senato che impegna il Governo), della semplificazione delle procedure di autorizzazione per i grandi eventi musicali, della richiesta di un nuovo statuto giuridico per i lavoratori del pubblico spettacolo.
La sfida è quella di redigere una “Carta della Musica dal vivo” da condividere con i protagonisti della scena musicale italiana e da usare come manifesto per agire con efficacia su singoli aspetti della filiera della musica e sulle norme che la regolano.
Ma permetteteci di dire che da oggi, con una musica più libera, l’Italia tutta è un po’ più libera. E ricca. E felice. Grazie”.

Commenta

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Rubriche

ArtApartEvents 2016

Dona ora!