di

Heart: Emanuela Barbi, Franco Fiorillo, Giuliano Lombardo, Martina Riescher

hertzHEART : uno spazio palpitante, performance e opere di Emanuela Barbi, Franco Fiorillo, Giuliano Lombardo, Martina Riescher a cura di Patrizia Ferri. è la prima tappa di un progetto in progress che coinvolge artisti tra i più significativi e rappresentativi di vari linguaggi, dalla performance all’installazione, alla pittura , alla moda e design, della scena contemporanea nazionale su un tema, quello del cuore come nucleo e motore della vita nella sua ampiezza di sensi e significati: scientifico, concettuale, poetico, introspettivo e metaforico. Una mostra pulsante e carica di energia vitale, portatrice di quella dinamica di sistole e diastole di cui vive l’opera nel luogo, che lo connota di un clima e di un respiro energetico in sintonia con l’osservatore.: una mostra del cuore, in uno spazio, quello dell’AOC, denso di valenze affettive e sentimentali che nascono dalle relazioni tra vite,  persone ed opere.

In SISTEM EXCLUSIVE – CIRCUITO EMPATICO i primi due partecipanti iniziano ad ascoltare il proprio battito cardiaco con lo stetoscopio: si scambieranno poi gli auricolari  mantenendo, con la mano, il padiglione dello stetoscopio sulla zona corrispondente al cuore: a questo punto subentra una terza persona che comincerà ad individuare il proprio battito  e  scambiandosi l’auricolare dello stetoscopio con uno dei primi partecipanti, si inserirà così nel circuito. L’azione orchestrata e diretta da Giuliano Lombardo, viene ripetuta uno per volta da tutti gli altri partecipanti fino a concludere il circuito che è potenzialmente infinito. L’estensione percettiva data dallo stetoscopio agisce da amplificatore alla naturale predisposizione empatica e relazionale dei singoli, concorrendo a far emergere l’ascolto di una coscienza collettiva come dato sociale naturale. Una coscienza che nasce da un momento emblematico di condivisione e sintonia col respiro primordiale che supporta la vita stessa, calibrata sulle pulsazioni dell’onda emotiva: ripristinando una sintonia come principio di relazione primaria tra gli esseri viventi, i minimi e i massimi sistemi, si superano le differenze di genere , cultura, etnia propagandosi “da cuore a cuore” come dicono i taoisti. Il tutto a fronte di un approccio filosofico applicato alla ricerca artistica declinata “scientificamente.

HERtZ  è un gioco di coppia dove i due artisti Emanuela Barbi e Franco Fiorillo sono di fronte ai  rispettivi calici riempiti con liquido rosso collocati su un box-postazione (play station): bagnandosi i polpastrelli  nel liquido  frizionano l’orlo del calice con moto costante e rotatorio per ottenere una frequenza sonora di due toni simili, ma dissonanti che viene percepita con un tempo variabile da individuo a individuo, ovvero quanto occorre a ciascuno per mettersi in sintonia con le potenzialità sonore del liquido stesso, e quindi ad entrare in  relazione con il suono dell’altro, nella ricerca di una sintonia.
Ne risulterà un effetto sonoro amplificato, una sorta di assonanza-dissonanza che riproduce il ritmo cardiaco, (analogo alle frequenze sonore delle onde radio scoperte da Heinrich Rudolf Hertz, il cui nome ha a sua volta una curiosa assonanza col termine cuore in tedesco, hertz appunto), fino a raggiungere il “battimento” , fenomeno acustico che si crea suonando i due bicchieri accordati con la differenza di un semitono per cui la fusione in un suono unico crea una sorta di diagramma invisibile. L’aspetto performativo viene poi elaborato dai fruitori, i quali sono invitati a replicare il gioco a due innescando una dinamica potenziale -che connota il lavoro di una relazionalietà in progress, che è nelle corde dei due artisti, fautori di una ricerca poetica ma dal nocciolo duro-, che resterà a documentazione dell’evento in un’ installazione video a loop a partire dall’azione iniziale.

Heartbeat 5 di Martina Riescher è un lavoro che riassume tutta quella sua capacità visionaria di tradurre e narrare storie come piccoli estratti palpitanti di vita, disegnando una geografia sognante e autentica al tempo stesso: si tratta di un contenitore per custodire oggetti d’affezione sulla scia dei surrealisti , piccoli tesori raccolti nei suoi viaggi reali e virtuali, tracce poetiche di vissuti in una dimensione affettiva e ironica, frutto di uno sguardo differente, in  un’ottica che come in un rebus metafisico delega le risposte a chi guarda. Un palpitante oggetto metaforico, una piccola scultura portatile coperta di capelli che la rendono a sua volta un oggetto che vive di vita propria : secondo un ritmo senza soluzione di continuità che punta dritto al cuore, affiorano quei frammenti di esperienza come  una sinfonia sentimentale e dissonante che si ricompone nel ritmo energetico e pulsante dell’interiorità, filtrati da una concettualità ricca di toni dell’anima, perché la mente sta nel cuore, come dicono gli orientali. La scatola che può essere aperta, anche per fruire del suo aspetto tattile,  quasi di “cosa” viva,  dato dalla copertura di capelli castani arricciati, lascia scorgere un dispositivo di registrazione sonora, da ascoltarsi con delle cuffiette collegate ad essa. Uno alla volta i fruitori potranno sedersi su uno dei tre sgabelli dell’installazione, rispettivamente per la scatola e le cuffiette, divenendo per tutta la durata dell’ascolto, terzo elemento e parte integrante dell’installazione.

Patrizia Ferri

  • Artista Emanuela Barbi, Franco Fiorillo,Giuliano Lombardo, Martina Riescher
  • Titolo “HEART”
  • A cura  di Patrizia Ferri
  • Sede AOCF58-Galleria BRUNO LISI, via Flaminia 58 – Roma
  • Inaugurazione 3 febbraio – ore 18,30
  • Periodo dal 3  al 21 febbraio 2014
  • Orario dal lunedì al venerdì ore 17.00 –19.30 (chiuso sabato e festivi)

 

Commenta

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Rubriche

ArtApartEvents 2016

Dona ora!