di

In altre parole. QuéTeatro, Focus sulla drammaturgia del Québec

Teatro Argot Studio
[8,  9, 10 aprile] [In altre parole] ideato e diretto da Pino Tierno
con il sostegno della Delegazione nazionale del Québec
presenta
QuéTeatro
Focus sulla drammaturgia del Québec

Dopo il grande successo riscosso dalle scorse edizioni di In altre parole, rassegna internazionale di drammaturgia contemporanea, giunta alla sua VIII edizione – Pino Tierno ideatore e curatore della rassegna – presenta al Teatro Argot Studio di Roma l’8, 9,10 aprile QuéTeatro, focus sulla drammaturgia del Québec. Tre intense giornate per conoscere meglio una delle più interessanti e innovative drammaturgie contemporanee. Martedì 8 aprile, alle ore 11.00, la Casa delle traduzioni, in via degli Avignonesi 32, ospiterà l’incontro sulle problematiche e sulle specificità della traduzione dal francese del Québec; seguiranno al Teatro Argot Studio di Via Natale Del Grande 27 tre serate di lettura-spettacolo dei testi “Fragole in inverno” di Evelyne de la Chenelière a cura di Marco Casazza, e “Eneide” di Olivier Kemeid a cura di Marco Belocchi. Ogni sera l’accurata selezione di vini offerta dal noto gourmet Luca Maroni, accoglierà gli spettatori.

Sin dalla prima edizione, il festival In altre parole ha stretto una relazione particolarmente intensa con la drammaturgia quebecchese contemporanea, presentando in prima italiana assoluta, opere di autori quali Michel Tremblay, Catherine-Anne Toupin, Frédéric Blanchette, Larry Tremblay e tantissimi altri. Questi autori si sono fatti conoscere in Italia anche grazie alla nostra rassegna e, poco a poco, si stanno imponendo sulle nostre scene in virtù della qualità e ricchezza della loro scrittura. Forte di questa esperienza di successo, In altre parole propone ora QuéTeatro, un segmento esclusivamente dedicato al teatro quebecchese e alla sua traduzione in italiano.

PROGRAMMA 8-9-10 APRILE 2014

MARTEDI’ 8 APRILE

  • Ore 11.00 – 13.30 Casa delle traduzioni
    TRADURRE IL TEATRO: incontro sulle problematiche e sulle specificità della traduzione dal francese del Québec
    a cura di Pino Tierno e Fabio Regattin
    saranno presenti: Marco Casazza, Paola De Vergori, Alessandra Griffoni, Brunilde Maffucci, Francesca Moccagatta, Mirna Molli.
  • Ore 21.00 Teatro Argot Studio
    FRAGOLE IN INVERNO di Evelyne de la Chenelière
    traduzione Fabio Regattin
    con Marta Altinier, Marco Casazza, Enrico Luttmann, Roberta Formilli
    a cura di Marco Casazza

Sophie e François si piacciono ma non hanno il coraggio di fare sul serio. Mentre Léa, appena arrivata dalla campagna, cerca di ritrovare in città la propria amica Sophie, François presenta quest’ultima al suo amico Robert, che finirà però per innamorarsi di Léa… Ma ne siamo sicuri? Come distinguere la realtà dalla sceneggiatura che François sta scrivendo? Come sapere cosa sia vero e cosa solamente immaginato?

Evelyne Cheneliere
Evelyne Cheneliere

EVELYNE DE LA CHENELIÈRE

Autrice ed attrice, dopo una formazione in Lettere moderne e Studi teatrali, ha scritto diversi testi per la scena, in cui alterna temi minimalisti ad argomenti politici. Tra i suoi lavori si annoverano il monologo Bashir Lazhar, da cui è stato tratto in film nominato ai premi Oscar 2012 e l’autobiografico Henry et Margaux, già proposto anche in Italia.

Des fraises en janvier è stato rappresentato anche in Inghilterra e Germania.

MERCOLEDI’ 9 E GIOVEDI’ 10 APRILE

  • Ore 21.00 Teatro Argot Studio
    ENEIDE di Olivier Kemeid
    traduzione di Alessandra Griffoni e Brunilde Maffucci

con gli allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia Marta Bulgherini, Giorgio Cantarini, Miriam Galanti, Miguel Angel Gobbo Diaz, Margherita Laterza, Antonio Monsellato, Edoardo Olivucci Vitangeli, Angela Pepi, Guglielmo Poggi, Barbara Petti, Daniele Rienzo, Agustina Risotto Interlandi, Gianmarco Saurino, Marina Elena Savino, Nicolas Zappa
a cura di Marco Belocchi

È la vicenda, antica ma sempre estremamente attuale, di un esilio. La vicenda di un uomo costretto alla fuga per sopravvivere. Gli odierni boat people hanno alle spalle una lunga storia e così anche Enea, in cerca di una terra sicura per suo figlio e la sua gente. L’Eneide narra di questo peregrinare pieno di rabbia, ostacoli e pericoli, alla ricerca di un luogo in cui fondare una nazione, ma soprattutto in cui trovare una vita migliore. Un viaggio che ha una sua forte valenza interiore, nell’abbandono progressivo dell’odio per costruire un avvenire di pace e fraternità.

Olivier
Olivier Kemeid

OLIVIER KEMEID

Drammaturgo quebecchese di origine egiziana, si laurea in scrittura drammatica all’École nationale de théâtre du Canada. Tra le sue numerose esperienze in campo teatrale si annovera la fondazione della compagnia Trois Tristes Tigres nel 2003. E’ autore di testi originali e di adattamenti. L’Eneide nasce da una residenza di scrittura di Kemeid in Francia, alla Chartreuse de Villeneuve-les-Avignon, nel 2007. La pièce debutta nello stesso anno all’Espace libre di Montréal, di cui Kemeid è direttore artistico dal 2006.

Teatro Argot Studio

  • Via Natale del Grande 27 (Trastevere) 
  • email: info@teatroargotstudio.com
  • tel/fax 06 5898111 | mob. 392 9281031
  • Ingresso: 5 euro                                                                    

Ufficio Stampa Teatro Argot

Commenta

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Rubriche

ArtApartEvents 2016

Dona ora!