Cucine & Ultracorpi

1947, Depero, Gas apparecchi Fargas
1947, Depero, Gas apparecchi Fargas

Cucine & Ultracorpi
Triennale Design Museum
Dal 9 aprile 2015
A cura di Germano Celant

L’ottava edizione del Triennale Design Museum, in occasione di Expo Milano 2015, propone Cucine & Ultracorpi, a cura di Germano Celant. Sviluppata in stretta collaborazione con Silvana Annicchiarico, direttore del museo, questa edizione s’ispira sin dal titolo al libro di fantascienza L’invasione degliUltracorpi, scritto da Jack Finney nel 1955 e all’omonimo film tratto dal romanzo e girato da Don Siegel, che si sono imposti come opere di rottura e cambiamento nell’immaginario collettivo. Nella narrazione gli alieni da “invasori” divengono “cospiratori” capaci di confondersi e insinuarsi tra gli abitanti della terra: entrano nel quotidiano degli esseri umani, attuando una rivoluzione interna e perciò endemica della società, invasa da forze aliene che si mescolano agli umani e ne assumono la forma per prendere il sopravvento.

Analogamente, Cucine & Ultracorpi vuole raccontare la lenta quanto inesorabile trasformazione degli utensili da cucina in macchine e automi. Un’armata “di invasori” che, dalla metà del XIX secolo con l’avvento dell’industrializzazione, è dilagata arrivando a sostituire molte pratiche umane del cucinare.

L’intento è di tracciare l’evoluzione in Italia dei “cospiratori”, cucine ed elettrodomestici, dalla prima emergenza documentabile fino al 2015, anche in relazione a episodi della progettazione internazionale e dell’industria estera.

Il display espositivo presenta questo universo di ultracorpi – dal frigorifero al microonde, dalla caffettiera al tostapane, dal tritarifiuti alle cappe assorbenti, dai bollitori ai mixer, dalle friggitrici alle gelatiere – che si è sviluppato dalla prima industrializzazione alla diffusione di massa, dall’automazione all’innovazione digitale.

Un universo magico e sorprendente messo in scena da Italo Rota con il supporto grafico di Irma Boom, per rievocare questo paesaggio meccanizzato – al contempo alieno e ambiguo, utilitario ed ergonomico – che attinge agli ambiti e ai linguaggi più disparati – dalla sci-fi all’horror, dalla favola al fumetto fino all’arte – mostrando risvolti comici e tragicomici, ironici e inquietanti della relazione “essere umano-macchina”: una cucina fantascientifica.

L’ottava edizione del Triennale Design Museum sarà inaugurata l’8 aprile 2015 e resterà aperta fino al 21 febbraio 2016.

Cucine & Ultracorpi si articola su un’estensione di circa 2.000 metri quadrati con una selezione di 350 opere, provenienti dalla Collezione Permanente del Triennale Design Museum. Musei, aziende, istituzioni pubbliche e private, collezionisti e designer italiani e internazionali hanno inoltre messo a disposizione i loro fondi e le loro competenze per la costruzione di questo paesaggio tecnologico ironico e perturbante, insieme alieno e famigliare, che, partendo dal tema di Expo Milano 2015 Nutrire il pianeta. Energia per la vita, permette il racconto di un universo visuale e sensoriale dinamico, mutevole e ancora inesplorato. Un racconto sul cibo ma volutamente realizzato in assenza di esso e in assenza degli oggetti associati alla tavola e al mangiare.

In occasione di Cucine & Ultracorpi la casa editrice Electa pubblicherà un importante volume di circa 400 pagine in due versioni (italiano e inglese) con approfondimenti e contribuiti di specialisti di settore, scrittori e collezionisti e un dizionario illustrato degli elettrodomestici che ne ripercorre per voci storia e funzione, dal primo brevetto agli sviluppi contemporanei, con una particolare attenzione alla situazione italiana.

Note storiche

Fin dall’antichità, l’uomo si è servito di molti strumenti manuali per la preparazione di cibi, di diverse tecniche che utilizzano acqua e fuoco per la trasformazione degli alimenti, di contenitori adatti nella forma e nei materiali a diverse tipologie di conservazione naturale dei prodotti alimentari – dal pane all’olio, dal vino ai legumi, dalle olive agli altri frutti della coltivazione. Contemporaneamente le tecniche conosciute di affumicatura, essicazione, pastorizzazione, appertizzazione, immersione in sostanze acide e alcoliche, per citarne solo alcune, hanno permesso di preservare gli alimenti per periodi di viaggio, carestia e conflitto.

Tra i diversi utensili che si sono tramandati da epoche antichissime, molti sono gli oggetti che preesistono l’elettrificazione, poiché basavano il loro funzionamento sull’energia fisica umana o animale – frullino e frullatore azionato a mano, macina o pestello, per fare solo qualche esempio. Dopo le evoluzioni tecnologiche dalla metà del XIX secolo in poi, questi strumenti sono conosciuti come elettrodomestici.

In corrispondenza con l’industrializzazione e la diffusione dell’elettricità, sono stati avviati i primi tentativi di elettrificare gli utensili d’uso quotidiano – tra cui quelli impiegati in cucina come teiere e bollitori forniti di resistenza elettrica. Nello stesso periodo, grazie anche alle ricerche in ambito chimico, avviene una delle grandi rivoluzioni del mondo scientifico e industriale applicato all’alimentazione e in generale alla vita dell’essere umano: l’invenzione della macchina che produce il ghiaccio, registrata con brevetto nel 1851 dal medico americano John Gorrie, che evolverà nel frigorifero sostituendosi progressivamente alla ghiacciaia.

Nel mondo dell’industria agroalimentare sono inoltre brevettati diversi nuovi cibi e bevande, come il concentrato di carne Liebig (1865) o la Coca Cola (1886), innovativi metodi di conservazione – come gli alimenti in scatola connessi con gli studi dello scienziato francese Nicolas Appert del 1812, che subiscono però maggiore diffusione solo dal 1855, con l’invenzione dell’apriscatole.

Tra l’Otto e il Novecento si avvicendano in campo alimentare numerose invenzioni e innovazioni, che segnano un progresso nella qualità della vita della popolazione globale e sono tuttora rintracciabili nei costumi e negli usi di gran parte dei popoli del mondo.

In parallelo alle scoperte scientifiche legate al cibo, il pianeta subisce una progressiva automatizzazione degli strumenti collegati al nutrirsi: se il primo passo è quello della conservazione con il frigorifero a uso industriale e commerciale, già dal 1895 circa vengono aperti i primi Automat in Europa e negli Stati Uniti che distribuiscono automaticamente cibi e bevande a pagamento. Inoltre, la riduzione delle dimensioni dei motori vede la nascita intorno al 1910 di una seconda generazione di elettrodomestici che impiegano l’energia per sostituire la forza manuale e non più soltanto per scaldare una resistenza elettrica.

Nel Novecento nascono i nuovi corpi tecnici che aiutano a conservare, frantumare, impastare, mescolare, e con il boom economico del secondo dopoguerra, veicolati anche da pubblicità, radio e televisione, gli elettroutili si diffondono in maniera capillare nelle case di tutti: oltre al frigorifero, compaiono nel territorio domestico anche frullatore, tostapane, microonde, tritarifiuti, macchine del caffè, macinini, frullini, cappe aspiranti, coltelli elettrici, centrifughe, macchine per cuocere al vapore o fare esplodere pop-corn o friggere, e altre ancora.

Contemporaneamente, anche le tecnologie di fornelli e forni evolvono e subiscono migliorie, e mentre le abitazioni vanno progressivamente restringendo gli spazi di ricevimento ospiti e il personale di servizio si fa più raro, il locale cucina si identifica sempre di più con il centro pulsante delle abitazioni borghesi.

Luogo di aggregazione del nucleo famigliare, di produzione del cibo, vi si trovano spesso una radio, sempre un frigorifero e una dispensa che a seconda della loro capienza, tipologia e ricchezza dell’offerta, sono anche identificatori economici, sociali e culturali.

Dalla fine degli anni venti, con la Frankfurt Kitchen di Margarete Schütte-Lihotzky, ideata per un popular housing building, la progettazione della cucina diventa integrata e organizza intorno a un unico spazio esiguo ma articolato le numerose necessità di una casalinga moderna. Nello stesso periodo, la città di Vienna decide di offrire agli abitanti delle nuove case popolari edificate dal comune il comfort di una cucina componibile: le diverse tipologie erano disponibili nel catalogo del cosiddetto Soziale Wohnkulturdi Vienna (la società comunale di gestione degli alloggi popolari), poi implementate negli anni quaranta e cinquanta del Novecento.

Il primo esempio di progettazione moderna in Italia, dove la contemporaneità è intesa come organizzazione degli spazi e integrata dalla presenza degli oggetti meccanici o elettrodomestici, è la Casa Elettrica presentata alla IV Triennale di Monza del 1930.

Finanziata dalla società Edison, la Casa Elettrica è progettata dal Gruppo 7 (o Gruppo dei Sette, formato da Luigi Figini, Guido Frette, Sebastiano Larco, Gino Pollini, Carlo Enrico Rava, Giuseppe Terragni e Ubaldo Castagnoli) insieme a Piero Bottoni che ha la responsabilità della cucina e di altre aree di servizio, disegnate in risposta al criterio di “massimo sfruttamento dello spazio che la moderna economia edilizia impone”.

Oltre alla cucina economica, compaiono nel progetto apparecchi elettrificati quali: frigorifero, macinino da caffè, sterilizzatore per l’acqua, scaldavivande, teiera, caffettiera, bollitore, cuoci uova e tostapane.

Nella storia del design italiano, l’elettroutile ha una diffusione capillare e domestica nel secondo dopoguerra, grazie ad aziende come Electrolux, Fiat, Girmi, Ignis, e altre, che si associano anche al rinnovamento della forma nel lavoro di architetti e designers come Joe Colombo, Vico Magistretti, Angelo Mangiarotti, Luca Meda, Marzo Zanuso, per citarne solo alcuni.

Più recentemente, permeati da temi sociali, economici e climatici che ripropongono al mondo istanze importanti quali il rispetto ambientale, la salvaguardia delle energie, la variazione dei climi, si è attuato un rinnovamento ulteriore che tocca oggi la forma quanto la tecnologia, nelle ricerche di architetti e designers italiani e internazionali.

Progressivamente la cucina e gli elettrodomestici espandono il loro raggio di azione, conquistano sempre maggiore terreno nelle case costruite intorno alle ‘cucine abitabili’ che si popolano oltre che della presenza dell’uomo anche di nuove, moderne e dinamiche entità: le macchine, che vengono a formare una “popolazione di ultracorpi” che lentamente sostituiscono la manualità umana con la loro sofisticazione meccanica e specializzazione di uso.

Il percorso espositivo

Il percorso espositivo si apre con la Futuro House, visionaria unità abitativa prefabbricata progettata da Matti Suuronen nel 1968, scelta come elemento di raccordo e continuità con Arts & Foods, dove sono presenti altri esempi di unità abitative complete, come una presenza aliena atterrata con il suo esercito di frigoriferi.

L’itinerario si sviluppa poi per aree tematiche e con una prospettiva plurisensoriale che teatralizza le specificità dei singoli elettrodomestici messi in scena coinvolgendo i quattro elementi naturali e tutti i sensi.

Il visitatore comincia il suo viaggio attraverso un tunnel punteggiato da girofari ed è colpito da suoni e allarmi che denunciano il pericolo sempre in agguato nella sfera domestica della cucina. Nella cucina, infatti, coltelli, fiamme, acqua ed elettrodomestici vivono a pochi centimetri l’uno dall’altro, rendendola uno dei posti più pericolosi (e mortali) della casa. Secondo uno studio del 2013 della NFPA (The National Fire Protection Association, l’associazione nazionale dei vigili del fuoco statunitensi) una media di sette persone muore ogni giorno a causa di incendi domestici. Sempre secondo i dati raccolti dalla NFPA due incidenti casalinghi su cinque (il 42% del totale) tra il 2007 e il 2011 sono avvenuti in cucina.

Superata questa sezione, i frigoriferi raccontano il freddo e l’acqua, simboleggiati dal “Re dei Frigoriferi”, un fuori scala dotato di un grande mantello ghiacciato che veglia sui suoi sudditi, una scacchiera di frigoriferi differenti per tipologie (dal frigo bar di piccole dimensioni alla cantinetta fino all’abbattitore) ed epoche, dal mitico Fiat degli anni cinquanta alla serie il Milione di Ignis del 1962 (celebrativa del traguardo dei sei zeri raggiunto dall’azienda nella produzione dei frigoriferi dopo circa dieci anni dal primo modello), dalle forme sinuose dell’Oz di Roberto Pezzetta (1998) al recente prototipo di frigorifero-lavagna Chalk Chalk di Antonio Villas per Ardo (2008).

Dal freddo e dall’acqua si passa al caldo e al fuoco. E le cucine, da intendere come i blocchi cottura, sono sapientemente composte in un modulo astratto. Anche in questo caso sono presentati esempi differenti per tipologia ed epoca: dalla cucina economica di Tecnomasio Italiano – Brown Boveri del 1949 ai piani cottura di Piano Design per Smeg per arrivare all’innovativo sistema modulare a induzione di Foster.

La terra è evocata attraverso una sezione che si sofferma su una delle urgenze del contemporaneo: lo smaltimento e il riciclo dei rifiuti organici. L’umido rappresenta infatti circa il 30% degli scarti domestici e, grazie al compostaggio, può diventare concime per le piante alleggerendo la quantità di rifiuti prodotti. Con sempre maggiore frequenza aziende e designer cercano soluzioni innovative e sostenibili a questo problema. Esemplari in questo senso le compostiere del Gruppo Sartori Ambiente e i progetti del designer Gabriele Fiocco che ha messo a punto una strategia mirata alla raccolta differenziata confezionando artigianalmente compostiere domestiche con materiali di riciclo.

Proseguendo nel percorso, l’udito è attirato da un’orchestra di elettrodomestici che esegue un’inedita sinfonia meccanica. Fischi, ronzii, sbuffi, cigolii avvolgono il visitatore. Provengono dalla schiera di quei piccoli elettrodomestici che quotidianamente invadono l’ambiente della cucina con i loro suoni e rumori: tostapane, macchine per granite, frullatori, affilacoltelli, macinacaffè, aspirabriciole, bollitori, centrifughe, gelatiere, grattugie, impastatrici, robot da cucina, sbattitori, spremiagrumi, tritatutto. Una rassegna che va dai prodotti della Girmi (azienda piemontese che nel 1954 presenta Frullo, primo frullatore di produzione italiana, a cui fa seguito nel 1957 il Girmi, il cui nome deriva dalla contrazione di “gira” e “miscela”) passando per quelli storici della Quick Mill degli anni settanta fino alla serie sperimentale di Alessandro Mendini per Philips e Alessi del 1994 e al tostapane di Gae Aulenti per Trabo del 1997, sulla cui superficie metallica è impressa a rilievo la parola “TOAST”, svelando in maniera inequivocabile la corrispondenza tra forma e funzione.

Una successiva sezione è dedicata all’aria. Circondati da fumi e vapori, i visitatori sono introdotti nei processi di aspirazione. Sulle loro teste incombe un groviglio di tubi che incanalano l’aria verso una inquietante ventola in funzione. Fra i pezzi scelti si spazia dalle forme minimal e astratte delle cappe di Faber alla Pescecappa, prototipo ideato nel 2009 da Gaetano Pesce per Elica, rivisitazione in chiave figurativa di questo elettrodomestico attraverso le forme ironiche e sensuali di verdure, frutta e legumi.

Si passa poi alla sezione del tatto costituita da una schiera di elettrodomestici (tritacarne, impastatrici, coltelli elettrici, trafile, passapomodoro, gelatiere, affettatrici) che hanno come elemento primario le lame, le cui funzioni di affettare, tritare e tagliare evocano potenziali minacce e pericoli. Un’installazione vedrà, da una parte, queste componenti isolate in azione, dall’altra gli elettrodomestici ricomposti nella loro interezza.

Il percorso gioca poi con un nuovo senso: l’olfatto. L’aroma del caffè è raccontato attraverso una selezione di oltre 100 esemplari di macchine elettriche raccolte in una grande libreria che ne restituisce storia ed evoluzione dai primi del Novecento a oggi. Fra le macchine esposte l’Europiccola della Pavoni del 1961 (prima macchina da caffè espresso con caratteristiche analoghe a quelle da bar ma adatta all’uso domestico grazie alle dimensioni contenute), la Baby Gaggia di Makio Hasuike per Gaggia del 1977 e la Coban di Richard Sapper per Alessi del 1997.

Il museo propone inoltre degli approfondimenti tematici dedicati ai bambini. Simbolicamente evocativi del senso della vista, quattro periscopi disseminati lungo il percorso permettono di vedere alcune sequenze di film di animazione sui temi della cucina e degli elettrodomestici.

 

In questo intreccio di sensi ed elementi, hanno uno speciale rilievo degli esempi iconici di tipologie di cucina, esperienze seminali della progettazione: l’Environment di Ettore Sottsass, presentato nella mostra Italy: the New Domestic Landscape, curata da Emilio Ambasz al Museum of Modern Art di New York del 1972, e il monoblocco funzionale su ruote Mini-Kitchen di Joe Colombo per Boffi, presentato in occasione della XIII Triennale di Milano del 1964. Il percorso si conclude con una riflessione sulla cucina contemporanea: un intervento appositamente commissionato a Gaetano Pesce, dal titolo La Cucina. Luogo di Passione, che per l’intera apertura del museo sarà animato da suoni, odori, profumi e azioni. Una cucina intesa come “luogo centro di attività, di passione nel creare e inventare ricette, sperimentare, luogo di ritrovo, per ricevere, per sedurre, per amare e farsi amare, per esibire, per intimidire, per provocare, per intimorire”, riprendendo le parole di Pesce.

Cucine & Ultracorpi sviluppa quindi una narrazione immersiva attraverso un allestimento emozionale, coinvolgente e di forte suggestione.

Il volume

In occasione di Cucine & Ultracorpi, la casa editrice Electa pubblica un importante volume di circa 400 pagine, a cura di Germano Celant con Silvana Annicchiarico e il supporto grafico di Irma Boom, in cui, attraverso saggi di autori esperti nei più diversi campi e circa 500 immagini, si ripercorrono i temi toccati dall’edizione del museo in una prospettiva cronologica e allo stesso tempo tematica.

Il libro permette di approfondire i molti stimoli offerti dalle opere esposte in un percorso ricchissimo in cui saggi, schede di approfondimento e un dizionario degli elettrodomestici con oltre 50 lemmi sono intervallati a suggestioni iconografiche e si aprono come finestre per introdurre il lettore ai grandi temi del museo.

L’opera si ispira quindi allo stesso concetto del museo: il suo obiettivo è coinvolgere il lettore in uncontinuum di idee e di immagini invitandolo ad entrare nell’universo dei rapporti tra cucina ed elettrodomestici.

Gli autori coinvolti sono studiosi, specialisti di settore, scrittori e collezionisti che, attraverso i loro saggi, introducono il largo pubblico alle loro aree di interesse, in modo scientifico e allo stesso tempo divulgativo.

artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento