Alfredo Pirri e Thomas Schütte a confronto: con una nota a margine

Prosegue l’interessante ciclo di mostre-studio e conferenze Meeting Architecture Part II: Architecture and the Creative Process a cura di Marina Engel.

In questo nono appuntamento – 4 maggio 2015 – si incontrano due sodali: Alfredo Pirri e Thomas Schütte; si confrontano attraverso Questions? Alle ore 18.00 si inizia con una conferenza e una conversazione tra e con gli artisti che Ludovico Pratesi modera; alle ore 19.30 si aprirà la mostra-studio. La trama su cui si è costruita questa iniziativa è su un parallelismo: l’interesse per l’analisi, l’attraversamento e l’abbattimento di quei confini che separano le due discipline che, diversamente, i due artisti hanno alla base delle rispettive ricerche e che condividono. Infatti, si potranno vedere una serie di disegni di Pirri e su un insieme di immagini digitali che documentano il nuovo edificio di Schütte.

Alfredo Pirri espone le stampe e i disegni realizzati per tre progetti architettonici ai quali sta lavorando: la Cappella Patrizia nel cimitero Piverone, vicino a Torino; il progetto per l’oratorio della Chiesa del Giglio a Palermo, per il quale l’artista ha progettato una “gabbia dorata”, struttura pensata per uno spazio multidisciplinare; la riqualificazione del chiostro del MARCA – Museo delle Arti di Catanzaro.  Nel corso degli anni Pirri (http://www.alfredopirri.com/) si è spesso dedicato a installazioni site-specific e in generale combinando tecniche evolute con quelle più tradizionali e adottando anche materiali extrapittorici. Ha dato luogo o accolto pure collaborazioni con gli architetti. In esse, e nel suo intero procedere, si percepisce un’attenzione per la forma – ovviamente – e per la narratività di spazi e luoghi che recano in sé inevitabili rimandi simbolici. Nel caso dei  tre nuovi progetti, essi rafforzano il suo ruolo di artista/architetto evidenziando come, più che concentrarsi solo sulle parti strutturali, egli abbia sviluppato una propria visione architettonica dell’arte contemporanea e degli spazi multidisciplinari. Un Architetto è un Architetto, ma un Artista è un Artista…

il tedesco Thomas Schütte (http://www.thomas-schuette.de/website_content.php) invece documenta la costruzione del suo nuovo edificio per il parco culturale di Neuss, con immagini digitali della struttura in costruzione, i cui disegni architettonici sono stati ricavati dal suo dettagliato modello Skulpturenhalle (2011). Questo monumentale edificio, pensato per accogliere le sue opere, segna un notevole salto di scala rispetto agli edifici precedenti dell’artista. È stato lo stesso Schütte ad intraprendere il progetto, che sarà completato per l’estate del 2015. Le strutture architettoniche sono sempre state tra gli interessi dell’artista tedesco, il quale realizza da decenni modelli architettonici, alcuni dei quali, recentemente, sono stati sviluppati e trasformati in edifici reali, come:Teehaus (2012), Neuss; Ackermans Tempel (2012), Maiorca; Ferienhaus T (2011), Telfs / Mösern, Austria; One Man House II (2007- 2009), Roanne, Francia.

Tutto ciò dove si svolgerà e si potrà vedere? Alla The British School at Rome di via Gramsci 61, Roma

Una nota a chiusura di questa breve panoramica: certamente diamo per ovvia e saggia la necessità e priorità di vedere le opere, andare alle mostre, negli studi, entrare in una struttura di un autore, trovarci di fronte alle sue sculture, disegni, foto, quadri, godere dei suoi video, apprezzare i progetti, interagire con la sua arte etc. per apprezzare il suo lavoro, mai perfettamente centrato attraverso la pubblicazioni di immagini; ma esse sono funzionali. Servono a divulgare un’essenza riassuntiva a chi non può essere dove vorrebbe, a chi non sa e può approfondire, a chi riesce, in tal modo, a non smemorare, a far mente locale… Ringraziamo pertanto Alfredo Pirri per aver concesso l’uso delle immagini dei suoi disegni – davvero molto belli: raffinati e allo stesso tempo essenziali, quindi necessari –, decisione che tutti gli artisti sensati prendono; al contrario, biasimiamo Thomas Schütte per la sua scelta contraria, che egli solitamente fa – per tutela della sua unicità? Per far rispettare la sua complessità? Non scherziamo: qui si tratta del diritto alla divulgazione e all’approfondimento… Tant’è. A nostro avviso, ciò non rende giustizia ad un artista magnifico quale egli è.

Info

  • Apertura mostra Alfredo Pirri/Thomas Schütte: Questions?
  • 4 maggio –23 maggio 2015, da martedì a sabato, ore 15.30–19.30
    • Per ulteriori informazioni:
  • The British School at Rome
    via Gramsci 61, Roma
    tel. +39 06 3264939, www.bsr.ac.uk
  •  Ufficio Stampa Meeting Architecture: Chiara Valentini – mob. +39 348 9214456 – e-mail: chiara@chiaravalentini.org
  •  In collaborazione con:Royal College of Art, Accademia di Francia a Roma – Villa Medici
  • Con il supporto di:Allford Hall Monaghan Morris, Bryan Guinness Charitable Trust, Cochemé Charitable Trust, John S. Cohen Foundation, Wilkinson Eyre
  • Media Partner: Architectural Review, Domus, Exibart
Luca Barberini Boffi

Luca Barberini Boffi

Luca Barberini Boffi, ex imprenditore nel mondo della carta stampata.
Esperto di comunicazione e di arti visive, vive tra Milano, Roma e Strasburgo, dove risiede. Organizza convegni internazionali su Beni Culturali e collezionismo, scrive su testate di settore. Viaggia molto all’estero per lavoro e per passione. Collabora saltuariamente come consulente artistico nel Maine, U.S.A.

Commenta

clicca qui per inviare un commento