Open House Roma leggermente silenziato ma tiene. E visita a Co55 di aaw studio

Open House Roma è un evento annuale, costola nostrana dell’evento internazionale Open House Worldwide, nato nel 1992 a Londra, che è declinato in 4 continenti e 31 città. Nella Capitale ha esordito nel 2012. Da allora, si sono succedute edizioni, alcune migliori altre un po’ sottotono. Come questa nuova, che ha tradito una non congeniale comunicazione, meno diffusa e condivisa del solito, e forse anche patendo una collocazione stretta tra inaugurazioni al MACRO, al MAXXI e con la Biennale di Venezia alle porte. Ad ogni modo, come sempre, in un solo week end si è proceduto alla consueta apertura di centinaia di edifici caratterizzati da specificità architettoniche e artistiche, con particolare attenzione al linguaggio moderno e contemporaneo; accanto, si sono spalancate le porte di studi, case, cantieri, showroom dove l’interior design, la cultura del progetto e l’architettura sono o dovrebbero essere dominanti.

L’evento, rigorosamente gratuito, ha visto nel tempo un suo implementamento e rappresenta un tentativo virtuoso di resilienza e rigenerazione a partire dai luoghi. Su quanto poi davvero ciò porti benefici al settore, ai professionisti, francamente siamo scettici. Ma, come ci disse in un’intervista il Direttore Davide Paterna, nel 2015 (www.artapartofculture.net/2015/05/22/open-house-con-intervista-a-davide-paterna):

“(…) al di là dell’aspetto economico, pur molto importante, sono i nessi e le ibridazioni che Open House stimola a generare un processo virtuoso di ricerca e produzione innovativa. E’ su questo terreno infatti che gli architetti e i designer romani possono compiere un passo in avanti, decisivo per ampliare gli orizzonti professionali verso un quadro più nord-europeo.”

Tra i tanti appuntamenti segnaliamo la vista a co55, attico in Via del Conservatorio, integralmente ristrutturato in un palazzo razionalista dallo studio Architects At Work (aaw studio). La bella abitazione palesa una colta rilettura e valorizzazione dello spazio che ha un carattere storico ed è fortemente squadrato. La struttura geometrica e moderna è, così, esaltata, come ci confermano Edoardo Rosati e Olimpia Stacchi che ci  hanno accolti in questa loro luminosa e raffinata casa, arredata con alcuni mobili vintage e valorizzata con opere d’arte contemporanea.

“Il cemento delle travi e dei pilastri è stato volutamente portato a nudo dando una connotazione industriale, mitigata dalla posa delle plance di rovere naturale a terra; in questo dialogo-contrasto le pareti pastellate fungono da elemento di raccordo. I pilastri divengono anche sostegno per il tavolo da pranzo e la cucina, entrambi realizzati con soluzioni artigianali in acciaio e volutamente sospesi al fine di risaltare la permeabilità luminosa data dalle ampie finestrature. Guardaroba, credenze, corpi illuminanti, sono solo alcuni dei diversi elementi realizzati ad hoc anche attraverso l’innesto di oggetti di recupero.”

Info generali

Info

 

 

 

 

Barbara Martusciello

Barbara Martusciello

Barbara Martusciello, laureata in Storia dell’Arte all’Università di Roma La Sapienza, è Storica e Critica d’arte, curatrice di mostre, organizzatrice di eventi culturali, docente e professionista di settore con una spiccata propensione alla divulgazione tramite convegni, giornate di studio, master, articoli, l’insegnamento, video online e attraverso la presenza attiva su più media e i Social.
Ha avuto Cattedre in Storia della Fotografia e Storia delle Arti Visive, ha ideato e curato alcuni Master in Managment Culturale, Corsi di Storia dell’Arte e Conversazioni sull’Arte a teatro.
Ha curato centinaia di mostre in musei, gallerie e spazi alternativi, occupandosi, già negli anni Novanta, di contaminazione linguistica, di Arte e artisti protagonisti della sperimentazione anni Sessanta a Roma, di Street Art, di Fotografia, di artisti emergenti e di produzione meno mainstream.
Ha redatto e scritto centinaia di cataloghi d’arte e saggi in altri libri e pubblicazioni: tutte attività che svolge tutt’ora. Ha scritto saggi e firmato alcuni libri tra i quali tra i quali "Osservatorio: Sistema dell'Arte in Italia e situazione a Roma" (artapartofculture ediz., Roma, 2009), che ha fatto un interessante punto sulla situazione del mercato dell’arte nella Capitale e nel sistema fieristico, e l’originale "Arte & successo" (Maretti Publ., Cesena, 2002), che ha aperto la strada a trattazioni sull’argomento. Suoi saggi sono contenuti in molti libri tra i quali: A.A.V.V., “Renato Mambor. Studi intorno alle opere, la performance, il teatro" (ed. la Sapienza, Universitary Press, Roma, 2018 - dalla Giornata di Studi all'Università La Sapienza, Roma, novembre 2015); "Confine 1 - Storia di luci e ombre" (Lithos, Roma, 2018), volume fotografico presentato al MAXXI di Roma in occasione del 40° Anniversario della Legge 18/1978 detta Basaglia; altri saggi aprono: "Le grandi pittrici nei secoli d’oro dell’arte – Un affascinante viaggio attraverso tre secoli di pittura al femminile” (di Bruno Iovannitti, Keidos, Roma, 2018); "Guerra e Architettura" (di Lebbeus Wood, Deleyva edit., Roma/Milano); "Ricostruire la moda italiana" (di Nicola White, Deleyva edit., Roma/Milano); un suo saggio apre e sostiene il libro fotografico "Sogni d'Acqua. Lungo il Mekong" (Electa-Mondadori ediz., 2014) e altri testi aprono cataloghi e altri volumi tra i quali il libro fotografico “Finding Homer” (PostCart 2015).
Ha collaborato con riviste di settore, con i quotidiani "Paese Sera", "Liberazione", il settimanale "Liberazione della Domenica", più saltuariamente con altri quotidiani ("Il Manifesto", "Gli Altri") e periodici; ha contribuito alla redazione della prima rivista via fax di Arte ("Artel") e di Architettura ("Architel") negli anni Novanta e scrive regolarmente di arti visive e cultura, collaborando con vari webmagazine e piattaforme culturali.
Ha ideato e curato la prima edizione del Concorso e della Residenza fotografica in Murgia nell'ambito di MurgiAMO (2014), connettendo arti visive, eccellenze produttive e territorio; ha collaborato con Roma Design Lab 2014, piattaforma tra istituzioni e privati dedicata al Design, all'Architettura, alla Creatività e alla rigenerazione urbana.
E' stato membro della Commissione DIVAG-Divulgazione e Valorizzazione Arte Giovane per conto della Soprintendenza Speciale PSAE e Polo Museale Romano (attualmente in rimodulazione) e Art Curator dell'area dell'Arte Visiva Contemporanea presso il MUSAP - Museo e Fondazione Arazzeria di Penne (Pescara), per il quale ha curato alcune mostre al MACRO Roma e in altri spazi pubblici (2017 e 2018). Nel 2019 ha inaugurato la sala espositiva della stazione RFI Napoli Afragola firmata dall’archistar Zaha Hadid curandovi una prima mostra che ha ufficialmente aperto la sala all’arte contemporanea. Art Curator e Consulente presso lo spazio polifunzionale, eventi e gallery Howtan Space, Roma.
Ha curato una serie di Conversazioni ad Arte in Teatro, sotto l’egida di “artapartofcilt(ure)” e un video su Arte e Cibo per la Fiesa edit.; ha organizzato e partecipato a Convegni, giornate di Studio, Festival etc. come curatrice e come relatrice: la più recente partecipazione è al Festival delle Emozioni di Terracina, LT (estate 2020).

Durante l’emergenza Coronavirus ha cofondazione di AntiVirus Gallery, un archivio fotografico e laboratorio di idee e di progetti afferente al rapporto tra Territorio e Fotografia dal respiro internazionale e in continuo aggiornamento.

Cofondatrice di "art a part of cult(ure)” di cui è anche Caporedattore.

Commenta

clicca qui per inviare un commento