Setup Contemporary Art Fair cambia location

Setup Contemporary Art Fair VI EDIZIONE
2-4 Febbraio 2018
PALAZZO PALLAVICINI
Via San Felice 24 – Bologna

 SetUp Contemporary Art Fair presenta la sua VI edizione, annunciando al grande pubblico che la fiera, dopo cinque anni trascorsi presso l’Autostazione di Bologna, vivrà nel 2018 un cambio di locationrivoluzionario e andrà ad abitare dal 2 al 4 febbraio 2018 le prestigiose sale dello storico palazzo bolognese Palazzo Pallavicini. E non solo! Tante novità ed evoluzioni per questa nuova edizione, che le due organizzatrici, Simona Gavioli e Alice Zannoni, preannunciano sulla base del consueto format che la contraddistingue dal 2013.

Il tema: l’Attesa

L’incontro tra SetUp e Palazzo Pallavicini sarà celebrato dal tema dell’Attesa, focus centrale di questa nuova edizione 2018.

Dopo l’orientamento e l’equilibrio, leitmotiv delle edizioni 2016 e 2017, il tema dell’Attesa andrà a completare la trilogia tematica che ha chiesto agli espositori audacia, coraggio e che trova compimento assoluto nel divenire dell’idea e della riflessione come atto di fiducia.

Proprio le parole di Sant’Agostino “Il presente del passato è la memoria, il presente del presente è la visione, il presente del futuro è l’attesa” sono esemplificative per rappresentare gli intenti di SetUp che, fin dal principio, ha creduto nel domani come forza propulsiva per poter esistere: SetUp, infatti, significa “predisporre le basi per il cambiamento”. Il progetto in cinque anni non ha cambiato la sua natura e vive nella tensione verso il futuro, verso il sentire e il fare delle giovani leve creative.

Su queste basi, la VI edizione della fiera chiede agli espositori di presentare un progetto curatoriale in cui la visione del presente sia un’indagine dell’attesa da cogliere come proiezione temporale e spaziale in cui qualcosa prende forma. In questo senso, l’attesa – suggeriscono le organizzatrici – non va intesa come quel lasso tempo da far trascorrere, ma come il momento in cui ci si protende oltre il tempo, appunto nel futuro.

Tra passato e futuro

Tutto questo prende vita a partire dalla nuova location, un palazzo storico intriso di memoria, dove l’incontro col passato si proietta, osando, direttamente sul futuro: un’ulteriore conferma dell’eccezionalità di questa fiera indipendente d’arte contemporanea, che da sempre viaggia in controtendenza rispetto alle altre manifestazioni fieristiche.

Con queste nuove vesti, SetUp 2018 sceglie di puntare sulla qualità degli espositori e avanza una selezione serrata per uno spazio capace di accogliere al massimo 30/35 gallerie. Il tutto, sulla base dell’intramontabile format che coinvolge le tre figure chiave del sistema dell’arte contemporanea − artista, curatore-critico, gallerista − facendole interagire e che invita gli espositori a presentare un progetto curatoriale con almeno un artista under 35, presentato da un testo critico di un curatore under 35.

INFORMAZIONI UTILI

artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento