No, Oreste, No! Diari da un archivio impossibile

No, Oreste, No!
Diari da un archivio impossibile
A cura di Serena Carbone
Istituzione Bologna Musei | MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna
8 marzo – 5 maggio 2019
Conferenza e preview stampa mercoledì 6 marzo 2019 h 12.00
Inaugurazione giovedì 7 marzo 2019 h 18.00

Oreste Uno a Paliano, 1998
Foto s.a.

Nello spazio espositivo della Project Room, dedicato alla riscoperta di alcuni degli episodi artistici più stimolanti e innovativi originati in ambito bolognese e regionale, dall’8 marzo al 5 maggio 2019 il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna presenta No, Oreste, No! Diari da un archivio impossibile, progetto espositivo a cura di Serena Carbone incentrato sull’esperienza artistico-relazionale di Progetto Oreste, nata nel 1997 e conclusasi nel 2001, con particolare attenzione alle vicende bolognesi.

Oreste non era un collettivo, non era un sindacato ma, come spesso hanno ribadito i suoi ideatori, era “un insieme variabile di persone”, di artisti che si sono scelti e trovati per un determinato tempo per condividere una certa maniera di vedere il mondo.
Oreste ha agito da precursore, ha sperimentato e anticipato un modus operandi indipendente, alternativo a quello istituzionale, totalmente orizzontale e non gerarchico, ponendo l’accento sul processo e anticipando tendenze oggi date per scontate come la ricerca in spazi non profit e le residenze d’artista. Alla base del progetto vi erano le relazioni, il dialogo e le interconnessioni nella cornice di un “spazio” libero in cui stimolare l’incontro, la discussione, l’aggregazione, l’esplorazione di nuovi territori sentendosi parte di una comunità multiforme accomunata dal linguaggio condiviso dell’arte.

In mostra vengono esposti testi, fotografie, libri, cataloghi, riviste, flyers, locandine, lettere, e-mail, per ricostruire il grande network che l’invisibile Oreste, in pochi anni, ha intrecciato con il mondo dell’arte. Particolare attenzione viene riservata ai momenti e alle relazioni intessute a Bologna, città scelta a caso dal momento che molti degli artisti che gravitavano intorno al progetto avevano frequentato l’Accademia di Belle Arti locale e qui continuavano a risiedere. Nell’ambito dell’esposizione sono visibili inoltre diversi video di documentazione sulle residenze e la partecipazione alla Biennale e due installazioni.

La mostra è realizzata con il sostegno della Fondazione Lac o Le mon.

Al termine della conferenza stampa seguirà una visita in anteprima alla mostra.

artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento