Genova Napoli Palermo: la sottocultura punk nell’Italia degli anni ’80

GENOVA NAPOLI PALERMO: la sottocultura punk nell’Italia degli anni ’80
18 Aprile ore 18
foto di Antonio Amato (Genova), Toty Ruggieri (Napoli), Fabio Sgroi (Palermo)
Baco about photographs-MINIMUM
via Giacalone 33-35 Palermo

immagine per sottocultura punksottocultura punk
© Fabio Sgroi, Palermo. Foto courtesy Baco about photographs

L’esposizione, mettendo in dialogo diretto le tre esperienze parallele testimoniate nelle fotografie recuperate dagli archivi dei tre autori, restituisce il ritratto di una generazione che condivideva lo stesso modo di stare e di guardare al mondo da tre città portuali nell’Italia postindustriale degli anni ’80.

Un sottofondo rumoroso, caotico e vibrante. Una linea di basso continuo che si diffonde riecheggiando fino ai giorni nostri. Un’energia vitale, violenta e travolgente, concorre a creare situazioni, costruire relazioni ed esperienze autentiche fino al midollo, complice l’innata rabbia creativa di una gioventù allora forse a malapena maggiorenne. Erano tempi in cui le idee circolavano a gran velocità, i gruppi musicali erano catalizzatori di energia, rivolta e nuove forme di espressione; tempi in cui, grazie anche al geniale sistema di falsificazione dei biglietti interrail, si viaggiava in lungo e in largo per tutta Europa a pochi spicci, visitando grandi metropoli. Le strade e i primi spazi occupati – come il Virus di via Correggio a Milano, che accese la scintilla punk del Bel Paese – costituivano imprescindibili punti di aggregazione: era ancora nelle piazze che si consumavano le avventure, che nacque il bisogno di occupare i primi centri sociali autogestiti e che velocemente si fece strada la contagiosa cultura del “Do It Yourself”. Questa è – almeno in parte – l’Italia nel bel mezzo degli anni Ottanta. A questi antagonisti della noia e del “politically correct” i fotografi Antonio Amato, Toty Ruggieri e Fabio Sgroi hanno rivolto il loro sguardo, restituendoci un ritratto compulsivo e nevrotico dei protagonisti di uno dei periodi creativamente più produttivi della storia del nostro paese – e forse proprio uno degli ultimi. Fotoreporter per vocazione, Toty Ruggieri nel 1984 lavorava già come inviato di “FRIGIDAIRE”, Antonio Amato avrebbe in futuro collaborato con diverse testate nazionali, mentre Fabio Sgroi entra a far parte, nel 1986, dell’agenzia di Letizia Battaglia e Franco Zecchin, Informazione fotografica, per conto del quotidiano “L’Ora” di Palermo. Ma più che reportage, queste immagini sono piuttosto un prolungamento del loro vissuto, in cui un’urgenza espressiva carica di immediatezza e dotata di un sano tocco di immaturità, si mostra refrattaria a qualsiasi codificazione formale del reale. E forse mai come in questo caso ritorna in mente l’affinità che esiste tra pelle e pellicola e che ci dà la libertà di leggere queste immagini come se fossero un transfert, un prelievo secco, nudo e crudo della realtà “così com’è”, impressa sul supporto della pellicola: una vera e propria dermografia, estrazione a vivo di corpi e volti che si mostrano in danze scomposte.
A Napoli, nel 1984 apriva le porte il Diamond Dogs. Una caverna di tufo a venti metri sottoterra dove tutto si addensava: un luogo singolare che riproduceva – capovolgendole in positivo però – tutte le tensioni che si respiravano in superficie nella città. Le tracce materiche di questo straordinario passaggio sotterraneo, intorbidito dal fumo e dagli umori viscerali della grotta, sembrano essersi depositate, indelebili, su questi negativi. Ma per quanto breve, l’esperienza del Diamond Dogs avrebbe fatto scuola, spianando la strada a pratiche e idee che, a distanza di qualche anno, sarebbero confluite nell’occupazione del TienAment, primo spazio sociale liberato e libertario della città, dove l’allora nascente cultura cyberpunk cominciava ad articolarsi, prendendo forma e trovando espressione nella poetica di gruppi come i Contropotere. Ma questa è ancora un’altra storia…
Se da una parte è vero che Napoli dopo il terremoto del 1980 “rimase in bilico tra la grazia e la disperazione” (Pontoniere) o che Genova stesse attraversando uno dei periodi più feroci di repressione e riflusso dovuto alla presenza di una lotta armata ben radicata nel tessuto urbano della città, mentre a Palermo si assisteva, impotenti, alle stragi di mafia, è anche soprattutto vero che proprio in quegli stessi anni questi giovani visionari sono stati capaci di reagire costruttivamente a tutto ciò, creando, nelle rispettive città, delle dimensioni parallele in cui sperimentare stili di vita e forme di resistenza capaci di rompere definitivamente col passato e di fornire una risposta coerente e incisiva a una società in piena crisi d’identità. Per quanto diverse dunque potessero apparire per contesto socio-culturale e condizioni di vita Genova, Palermo e Napoli, ciò che è certo è che quel sottofondo rumoroso che scuote il paesaggio urbano di queste città riproduce all’unisono una medesima attitudine, uno spirito e un modo di stare al mondo condivisi da un’intera generazione”.
Noemi Gentiluomo

Tutte le stampe esposte sono prodotte da Cutterfish lab, il nuovo laboratorio di stampa fotografica fine art (analogica e digitale) situato negli spazi di MINIMUM e co-gestito con BACO.

Per l’occasione Tomo presenterà un edizione limitata di poster ispirati dai lavori in mostra.

GENOVA NAPOLI PALERMO
18 Aprile, ore 18
Baco about photographs-MINIMUM
via Giacalone 33-35, Palermo
Ingresso gratuito

artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento