Gibellina PhotoRoad. Open Call 2019

Prendi parte alla seconda edizione di Gibellina PhotoRoad, l’unico Festival in italia completamente Open Air & Site specific!

Hai un progetto inerente il tema “FINZIONI” che vorresti presentare al festival?
Partecipa alla nostra open call e diventa uno degli artisti di questa edizione!

immagine per Gibellina PhotoRoad

Puoi vincere:

  • Un premio fino a 2.500 € per la produzione e installazione/mostra “all’aperto” che sarà presentata durante Gibellina PhotoRoad 2019
  • Una residenza a Gibellina
  • Una mostra in collezione permanente presso la Fondazione Orestiadi
  • Una pubblicazione su YET magazine
  • Una proiezione durante le giornate di apertura del festival
  • L’ingresso nella collezione permanente “sezione fotografia” della Fondazione Orestiadi

tema: Finzioni
scadenza del concorso: 10 giugno 2019

La giuria internazionale è composta da:

  • Joan Fontcuberta (Artista, Curatore e Scrittore)
  • Stefano Stoll (Direttore artistico Festival Images Vevey)
  • Laura Serani (Fondation des Treilles, Direttrice artistica Festival Planche(s) Contact)
  • Lorenza Bravetta (Consulente per la fotografia)
  • Elena Vaninetti (Editor YET magazine)
  • Arianna Catania (Direttore artistico Festival Gibellina PhotoRoad)
Partecipa al concorso

Gibellina PhotoRoad è organizzato dell’associazione culturale On Image e co-organizzato dalla Fondazione Orestiadi

  • Con il patrocinio: Comune di Gibellina
  • Main Partner: Festival Images Vevey
  • Con il sostegno di: Accademia d’Ungheria, Ambasciata di Finlandia, Ambasciata di Germania
  • Partner culturali: Cresm, Fondation des Treilles, Fondazione Goca, Galleria Lia Rumma, Galleria Matèria, Istituto Svizzero, PhotoTales, UNINT
  • Sponsor: Florim, Moma Cafè, Ricoh, Specchio Piuma, Visual impact
  • Media partner: ClickMagazine, YET magazine

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento