Landscapes: dal 29 giugno a Sanremo

Landscapes: dal 29 giugno a Sanremo un tributo ai grandi “paesaggi”, naturalistici ed interiori, con un excursus dell’evoluzione nell’arte del ‘900
La mostra è ospitata presso la Galleria Jean-François Cazeau e resterà aperta al pubblico fino al 29 settembre 2019. Esposte le opere di Hayet, Picasso, David, Afro, Chadwick, Masson, ma anche di artisti contemporanei come Scully, Davenport, De Gunzburg e Lefeuvre

immagine per Landscapes
Hermine David Fosse au Corcodiles

Inaugura sabato 29 giugno presso la Galleria Jean-François Cazeau di Sanremo, in Via Giacomo Matteotti 7, la mostra Landscapes, un tributo alla pittura di paesaggio e alla sua evoluzione nel corso del ‘900, quando progressivamente i riferimenti naturalistici si perdono fino a dissolversi completamente nei paesaggi interiori degli artisti contemporanei.

Testimoni di questa evoluzione, saranno le opere di artisti come Louis Hayet, Pablo Picasso, Hermine David, Afro, Lynn Chadwick, André Masson, ma anche artisti contemporanei come Sean Scully, Ian Davenport, Samuel De Gunzburg e Nicolas Lefeuvre, artista francese, ex direttore creativo di Chanel a Tokyo che collabora per la prima volta con la Galleria Cazeau e portando in mostra una selezione di 11 opere.

Il richiamo alla tematica del paesaggio, tanto cara ai maestri della pittura en plein air di fine 800, nasce dalle mostre che la Riviera dei Fiori sta dedicando a Claude Monet, rispettivamente al Castello dei Doria di Dolceacqua e a Villa Regina Margherita a Bordighera. Considerato uno dei fondatori dell’impressionismo, Monet ha indagato costantemente il tema del paesaggio, riproponendolo in infinite variazioni e facendolo diventare protagonista assoluto delle sue tele. Egli soggiornò proprio a Bordighera nel finire dell’800, prima in gita con l’amico Renoir e poi in solitaria, dove ebbe modo di dipingere vari scorci della cittadina rivierasca.

 L’inaugurazione di Landscapes, sarà anche un’occasione per celebrare i dieci anni dall’apertura della galleria parigina di Cazeau, inaugurata nel 2009 nel quartiere Marais, in rue Sainte Anastase, a pochi passi dal Museo Picasso. Da oltre 25 anni nel mercato del collezionismo, il suo fondatore Jean-François Cazeau e il socio Raphael Salvadori Tecucianu, hanno deciso di puntare sull’Italia ed in particolare sulla Liguria, inaugurando lo scorso anno la galleria di Sanremo. La ragione di questa scelta è data dalla presenza ormai consolidata della galleria in fiere e mostre nel sud della Francia e in Italia.

Fra i più importanti artisti esposti, nomi come Armand Guillaumin, Auguste Herbin, Hans Hartung, Pablo Picasso, Amedeo Modigliani, Cèsar e Alberto e Diego Giacometti. Il target è quello del collezionismo dei Maestri impressionisti e moderni, un mercato in continua crescita, come confermato dall’ultimo record registrato lo scorso 14 maggio da Sotheby’s New York con una delle celebri composizioni di Claude Monet raffigurante i Covoni, venduta per 110 milioni di dollari.

La galleria ha inoltre appena registrato la sua presenza alla quarta edizione di artmonte-carlo, fiera d’arte moderna e contemporanea sostenuta da S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco e tenutasi dal 26 al 28 aprile 2019 al Grimaldi Forum di Monaco. A Montecarlo la galleria Cazeau ha scelto di presentare opere che illustrano gli importanti sviluppi artistici del XIX e XX secolo, percorrendo quasi 100 anni di evoluzione storica. Punto culminante dell’esposizione monegasca, una rara opera di Kees Van Dongen, esposta per la prima volta dall’artista nel 1905 al Salon d’Automne, ora meglio conosciuta come la prima mostra fauvista: La Cage aux Fauves.

Informazioni

  • Galleria Jean-François Cazeau
  • Via Giacomo Matteotti 7, 18038 Sanremo
  • Opening: 29 giugno
  • Orari di apertura al pubblico:
  • Domenica: 15h – 19h
  • Lun: Chiuso
  • Mart: 15h – 19h
  • Merc – Sab: 10h – 13h / 15h – 19h
  • galleriajfcazeau@gmail.com
  • www.galeriejfcazeau.com +39 331 390 0444 (IT) +33 6 03 79 76 26 (FR)

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento