In the hands of migration. Sabina Candusso

Prima mostra della rassegna fotografica Venti Rosa: Nuovi Sguardi Femminili sul Contemporaneo
“In the hands of migration” di Sabina Candusso

immagine per Sabrina Candusso

In occasione del palinsesto I Talenti delle donne promosso dal Comune di Milano per l’anno 2020, Istituto Italiano di Fotografia organizza, da febbraio a luglio 2020, un ciclo di sette mostre dedicate ai progetti fotografici inediti di talentuose fotografe neo diplomate in IIF.

La rassegna, intitolata Venti Rosa: Nuovi Sguardi Femminili sul Contemporaneo, sarà l’occasione per dare visibilità a nuovi punti di vista originali e alle sensibilità proprie dell’universo femminile, raccontando condizioni, percorsi e aspettative dell’esistenza umana.

Martedì 12 febbraio 2020 alle ore 18:30 inaugura la prima mostra fotografica del ciclo, In the hand of migration di Sabrina Candusso. L’esposizione resterà aperta al pubblico presso la IIF Wall fino a venerdì 28 febbraio 2020.

“In the hand of migration è un progetto fotografico realizzato a Ventimiglia, cittadina ligure situata al confine tra Italia e Francia. Luogo di transito di migliaia di migranti che ogni giorno cercando di proseguire il loro viaggio verso l’Europa. In questo progetto ho ritratto le persone che cercavano di oltrepassare la frontiera attraverso il contenuto delle loro tasche, con l’obiettivo di decostruire, attraverso la fotografia, l’immagine stereotipata del migrante.”

  • Inaugurazione: Martedì 12 febbraio 2020, ore 18:30
  • In mostra dal 12 febbraio al 28 febbraio 2020. Ingresso libero.
  • Istituto Italiano di Fotografia – Via Enrico Caviglia 3, 20139 Milano (M3 Corvetto)
  • Orari: dal lunedì al venerdì, 10:00-13:00, 14:00-19:00; sabato, 10:00-13:00, 14:00-18:00
  • Contatti: press@iifmilano.com
artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento