Davide D’Elia, Rio. Ex Elettrofonica

DAVIDE D’ELIA
Rio
a cura di Elisa Del Prete
Inaugurazione 03 Aprile 2020, ore 18.00
04 APRILE – 05 GIUGNO 2020
Ex Elettrofonica, Vicolo di Sant’Onofrio 10-11 Roma

Ex Elettrofonica è lieta di presentare in galleria venerdì 03 Aprile 2020, la personale di Davide D’Elia curata da Elisa Del Prete, dal titolo Rio.

“RIO” di Davide D’Elia è una mostra che fin dal titolo suona esotica, acquatica, calda e fresca al tempo stesso. Da sopra a sotto, da fuori a dentro, da freddo a caldo, l’artista ci guida in un viaggio nella percezione lungo il liminale equilibrio tra organico e inorganico, indagine fondante tutta la sua ricerca artistica. 

Una linea che fa emergere in superficie strati murali solo apparentemente sedimentati, traccia il perimetro della galleria. Ed è su questa linea del tempo che s’inscrivono, o talvolta si aggrappano, le opere in mostra. 

Del tutto inedite, ad eccezione della serie “Estati”, le nuove opere di D’Elia inaugurano una ricerca in cui oggetti acquatici diventano protagonisti. Tutta la mostra nasce infatti dalla stretta collaborazione con l’azienda Allufer Tempesta che realizza accessori per yatch. È qui, presso la sede dello stabilimento di Sezze, che l’artista ha attinto per agganciare il suo immaginario ad oggetti reali. Ormai dismessi, ma peculiari per la loro destinazione nautica, si tratta per lo più di serramenti che, “rinvigoriti” in preziose sculture, contemplano in se stessi l’attraversamento. 

Chiave della mostra è infatti uno stato di “apnea” in cui il tempo si accorcia. E se il tempo è certamente un tema centrale di tutto il lavoro di Davide D’Elia, fino ad ora indagato nel suo scorrere lento, ecco che diventa qui urgentemente istantaneo, quasi l’artista volesse confrontarsi con la puntualità di un momento, quello di un’apertura, del valico di una soglia, che tuttavia ha un margine, seppur lieve, di durata.

L’apnea, metafora se vogliamo di una condizione obbligata di sopravvivenza, può diventare allora anche uno spazio di libertà, un tempo cercato, ricavato tra un’inspirazione e l’altra. 

Privo di ogni mitologia cui si lega invece il mare, il rio è un piccolo corso d’acqua che sta a metà tra natura e artificio, ostinazione e controllo. La linea del tempo che regge le opere detta allora il suo scorrere, quasi fosse la partitura del rumore del suo continuo frusciare.

Come tutto il lavoro di D’Elia “Rio” gioca sull’ambiguità della percezione per mostrarci il cortocircuito di un’estetica refrigerante dell’annegamento.

  • SEDE: Ex Elettrofonica – Vicolo di Sant’ Onofrio, 10 Roma
  • COME ARRIVARE: a pochi passi dall’ospedale Santo Spirito in Sassia e dall’ospedale Bambino Gesù, vicolo Sant’Onofrio si trova alle spalle di piazza della Rovere, sul Lungotevere.
    ORARIO: dal 04 Aprile al 05 Giugno – dal martedì al venerdì 15.00-19.00, sabato e lunedì su appuntamento, domenica chiuso. 
  • INFORMAZIONI: +39 06 64760163, info@exelettrofonica.com, www.exelettrofonica.com
artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento