Teatro Nucleo apre un bando per la Residenza artistica

Teatro Nucleo apre un bando per la Residenza artistica
Notturni delle città al Teatro Julio Cortàzar di Ferrara
 Si cercano proposte legate a luoghi e artisti della città estense dal 1900 a oggi

immagine per Teatro Nucleo
night

Teatro Nucleo seleziona, attraverso un bando aperto fino al 20 giugno, proposte artistiche per la residenza creativa Notturni delle Città, che sarà realizzata a settembre presso il Teatro Julio Cortàzar (via della Ricostruzione 40, Pontelagoscuro – Ferrara). Nel percorso sono inclusi anche incontri con la comunità e uno spettacolo finale all’interno della programmazione del Festival Totem Scene Urbane, che si terrà a Ferrara dal 18 al 20 settembre 2020.

La Residenza è parte di Cose Nuove, il progetto di Residenze Artistiche di Teatro Nucleo realizzato con il contributo di MiBACT, dell’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia Romagna e del Comune di Ferrara e pertanto, come da esigenze Ministeriali, è dedicata ad artisti e artiste under 35 oppure emergenti, che quindi abbiano ricevuto premi o che abbiano partecipato a festival nazionali e internazionali.

Notturni delle Città, ideato da Andrea Maurizi regista e fondatore del Teatro delle Condizioni Avverse   è finalizzato a raccontare storie della città nei luoghi in cui sono accadute, generando percorsi teatrali notturni. Per questo specifico bando, le proposte artistiche da sviluppare nel corso della Residenza devono essere legate all’immaginario di artisti che sono stati in relazione con Ferrara dal XX secolo in poi (ad esempio Giorgio Bassani, Giorgio De Chirico, Michelangelo Antonioni, Vasco Brondi etc…). 

L’esito della Residenza sarà ospitato nella programmazione del Festival Totem Scene Urbane, dopo 15 giorni di creazione e produzione presso il Teatro Julio Cortàzar, sede di Teatro Nucleo a Pontelagoscuro (Ferrara), a partire dal 7 settembre. L’artista selezionato riceverà un contributo alla produzione di 1000 euro e un rimborso delle spese documentate di vitto e alloggio fino a 500 euro, oltre al rimborso dei viaggi.

Per rafforzare il legame e il contatto tra arte e comunità, gli artisti selezionati saranno accompagnati nella realizzazione di alcuni momenti di trasmissione e sensibilizzazione rivolti agli abitanti del territorio della residenza (studenti, cittadini, associazioni, gruppi di spettatori attivi). 

La poetica che è alla base del progetto parte dall’idea che di notte la città si trasforma: «la notte contribuisce a liberare quei luoghi che attraversiamo quotidianamente dal loro essere un frenetico, sterile e anonimo contenitore delle nostre vite distratte. La notte è una via per scoprire e abbandonarsi oniricamente a un viaggio fatto di luoghi, volti e storie da narrare sottovoce», racconta Andrea Maurizi, che accompagnerà gli artisti selezionati durante il percorso di creazione.
Dalla Residenza nascerà quindi uno spettacolo teatrale – monologo o performance – che sarà un viaggio in un tempo diverso per pochi spettatori, per assaporare il sale della terra su cui affondano le radici della città di Ferrara e delle persone che l’hanno abitata.   

Ufficio Stampa 

artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento