Rewind 006: Jimmie Durham. Stones Rejected by the Builder

REWIND 006
Jimmie Durham, Le pietre scartate dal costruttore
Archivio Fondazione Antonio Ratti

immagine per Jimmie Durham

Durante la conferenza di apertura della decima edizione dello CSAV – Artists’ Research Laboratory, di cui era visiting professor, Jimmie Durham presenta la propria pratica artistica, rifiutando la categoria stessa di arte, così come quella di musica, architettura e letteratura.

Partendo dal titolo Le pietre scartate dal costruttore, Durham mette in discussione la figura dell’architetto, che rappresenta l’apice del sistema gerarchico in cui qualcuno decide quale pietra salvare e quale scartare. Nelle sue opere, invece, la pietra – che sia ciottolo o coltello di selce – diventa uno strumento per colpire, scolpire, distruggere e trasformare, cercando in questa trasformazione la possibilità stessa dell’arte.
Scopri di più

FAR Archivio

Il periodo di chiusura temporanea è stato per la Fondazione Antonio Ratti l’occasione per rendere attivo il proprio archivio. Nel corso dei suoi trentacinque anni di attività, la FAR ha promosso numerosi incontri, conferenze, workshop, seminari e pubblicazioni, invitando alla riflessione esperti di ambiti diversi, dall’arte contemporanea alla storia del tessuto, dall’antropologia alla letteratura fino alla cultura d’impresa. Il progetto Rewind  ha come scopo la diffusione e la condivisione di questa straordinaria risorsa.

Il materiale selezionato, presentato con cadenza bisettimanale, spazia fra periodi e discipline diverse, offrendo una nuova prospettiva su tematiche e idee ancora attuali.

Guardare indietro, ri-ascoltare, re-imparare diventano così strategie per andare avanti e l’archivio si attiva come strumento fondamentale per immaginarsi nel futuro.

 

artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento