Conferenza stampa “Child Abuse”, filmostra d’arte contemporanea: l’arte a sostegno dei minori vittime di abusi.

Giovedì 25 febbario, ore 11.30
Sala della Cultura, Palazzo Pepoli.
Museo della Storia di Bologna, via Castiglione, 8 e in streaming su piattaformaventiventi.genusbononiae.it
Conferenza Stampa di presentazione di
Child Abuse Filmostra d’arte contemporanea
ideazione e cura di Eleonora Frattarolo, regia di Davide Mastrangelo

immagine per Child Abuse filmostra d’arte contemporanea

Con opere di: Maurizio Cattelan, Elisabetta di Sopra, Giosetta Fioroni, Luciano Leonotti, Eleonora Mazza, Paolo Migliazza, Gianni Moretti, Rufoism, James Rielly, Edoardo Sessa, Vanni Spazzoli, Sandra Tomboloni, Massimiliano Usai, Nicola Vinci, Silvia Zagni.

Promosso da Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, IRCCS – Policlinico S. Orsola e Genus Bononiae. Musei nella Città.

Il film Child Abuse nasce all’interno del Progetto europeo ProChild che si propone come obiettivo l’emersione del fenomeno della violenza sui minori, promuovendo la protezione e il supporto delle vittime attraverso interventi multidisciplinari di presa in carico.

Intervengono:

  • Fabio Roversi-Monaco – Presidente di Genus Bononiae. Musei nella Città
  • Marcello Lanari – Coordinatore progetto europeo PROCHILD, Direttore Pediatria d’Urgenza e Pronto Soccorso Pediatrico IRCCS Policlinico di Sant’Orsola
  • Santa D’Innocenzo – Direttore Responsabile di produzione del filmostra
  • Eleonora Frattarolo – Ideatrice e curatrice del filmostra

Per ragioni di sicurezza legate all’emerga sanitaria l’accesso alla Sala della Cultura è contingentato: si prega pertanto di voler confermare la propria presenza rispondendo alla presente mail.

La conferenza verrà trasmessa anche in streaming su piattaformaventiventi.genusbononiae.it (previa registrazione).

Ufficio Stampa – Mec&Partners
Patrizia Semeraro | patrizia.semeraro@mec-partners.it
Luciana Apicella | luciana.apicella@mec-partners.it

eventi e segnalazioni

eventi e segnalazioni

La cultura della contemporaneità nelle sue molteplici declinazioni

commenta

clicca qui per inviare un commento