Daniele Messineo. Lineacontinua nel cuore di Palermo

Nel cuore di Palermo, vicino al porto, un luogo conosciuto come “Corimbo Loft” ha segnato anni intensi di scambi artistici e culturali, all’insegna della passione antiquaria, mista a contaminazioni di modernariato.

Molti i personaggi assolutamente di casa, da Aldo Busi a Elvira Sellerio, da Quintino di Napoli a Pupino Samonà, da Gillo Dorfles al pittore di culto Renato Tosini.
Oggi questo luogo dedito al bello ha deciso di mettere un punto a questa avventura, e lo fa raccontando un altro percorso, quello artistico di Daniele Messineo.

Nato nel 1978, studia presso la SRF (Scuola romana del fumetto) dove approfondisce le sue conoscenze sull’arte dell’illustrazione, sulle tecniche dello storyboard e della sceneggiatura. Nel 2001 partecipa a una mostra/conocorso nazionale per Dysney Italia ed entra a far parte dei 10 nuovi artisti selezionati. Nello stesso anno partecipa al tributo a Carlo Collodi esibendo i propri lavori insieme a Jean Giraud e Marco Soldi.
Dal 2002 collabora come illustratore con diverse agenzie di comunicazione italiane e estere. Nel 2006 si trasferisce a New York lavorando come grafico e illustratore. Nel 2009 torna a Palermo con una mostra dal titolo 000 experimet: 200 metri quadrati in successione, un racconto di immagini sequenziali. Nel 2013 partecipa a “Interno e Memoria”, una mostra collettiva presso galleria milanese Edward Cuttler Galley.
Oggi vive e lavora a Palermo continuando a collaborare come grafico e illustratore con agenzie italiane e americane.

Lineacontinua, presso Croimbo Loft, è la sua prima mostra personale.

E’ davvero una festa o, come scrive nell’invito Piero Caldarera, anima di questo spazio:

“una maniera di chiudere un’esperienza fantastica, di trasmettervi l’entusiasmo, la voglia di fare, di scoprire il nuovo che mi ha sempre animato” .

Daniele Messineo (classe 1978) si trova oggi a relazionarsi con questo spazio sgombro rispetto a come si era soliti vederlo. Uno spazio libero che si relaziona con i suoi spazi ampi e definiti.
E’ una narrazione di luoghi a-spaziali e a-temporali, non sappiamo da dove arrivino e non sappiamo dove potrebbero portarci se ci calassimo dentro quelle atmosfere, se seguissimo quei labirinti di segni continui.
L’introduzione al percorso espositivo sono dei ritratti “Monolinea” realizzati da una linea continua, sono volti stagliati in fila sulla parete, come maschere. Anche in questi non puoi rintracciare nessun riferimento biografico altro, o storico, molti nascono dal suo immaginario, altri sono volti catturati per strada.
Proseguendo scompare – almeno in apparenza- la figura umana, si dissolvono i volti, per dar vita ad atmosfere noir dal profondo taglio cinematografo, o rubando una riflessione dello stesso artista, immagini che appaiono come scarti di un montaggio cinematografico.
Sono lavori grafici realizzati interamente con la penna bic di medio e grande formato nell’arco di un anno. Paesaggi notturni dove i soggetti sono un grande faro stagliato al centro della composizione, una casetta, una stanza vuota dove l’unica presenza fisica è un letto compostamente rifatto, una macchina. Ma la presenza-assenza aleggia in queste atmosfere in maniera forte. Qualcuno è dentro quella piccola abitazione, c’è una luce accesa, il faro è messo in funzione da un’azione certamente umana, la stanza col letto ha un fascio di luce data da una porta lasciata aperta da chi è appena uscito, qualcuno ha lasciato i fari accesi della macchina. Sono luoghi “contaminati” da un passaggio, dove l’elemento metafisico è preponderante, sottolineato da quella luce che sottolinea alcune cose, nascondendone altre, per dar vita a dimensioni dove tutto è probabilmente appena accaduto o deve ancora accadere.
Lineacontinua è un percorso dove la grafica e l’illustrazione si fondono col cinema, non soltanto per i rimandi iconografici dei lavori, ma anche per la collaborazione tra l’artista Daniele Messineo e il documentarista Ruggero Di Maggio fondatore della Mon Amour Film, che ha prodotto e curato questo progetto.

Info mostra

  • Lineacontinua – Mostra personale di Daniele Messineo
  • 29 maggio 2014 – 4 giugno 2014
  • Via Principe di Belmonte 12, Corimbo, Palermo
  • www.monamourfilm.com
Laura Francesca Di Trapani

Laura Francesca Di Trapani

Laura Francesca Di Trapani è nata a Palermo dove vive. Storica dell'arte e curatrice indipendente, si è formata presso l'Università La Sapienza di Roma. E' critica d'arte contemporanea con un particolare interesse rivolto alle nuove generazioni di artisti (tra gli ultimi progetti di curatela vi sono la mostra personale di Fulvio Di Piazza a Palazzo Ziino a Palermo, la personale di William Marc Zanghi da BonelliLab a Canneto S.O, la bi-personale di Federico Lupo e Giovanni Blanco da Bt'f Gallery a Bologna, la curatela critica della ricerca fotografica di Stefania Romano al MIA-Milan-image art fair e la bi-personale fotografica di Alessandro Di Giugno e Francesco Paolo Catalano NORMALE). Si è interessata di mercato dell'arte per la rivista X-press edita dalla Deutsche Bank (Francoforte). Collabora con alcune riviste e redazioni di settore tra le quali Espoarte.

Commenta

clicca qui per inviare un commento