L’eterna musa. L’universo femminile tra ‘800 e ‘900

Quaranta donne normali, di famiglia o della porta accanto. Mai dive, se non – forse – tra le mura di casa. A formare una smagliante e cangiante galleria di personalità, ognuna a suo modo protagonista in una frazione di tempo e in un angolo di spazio.

Di questa galleria di tipi femminili, la Fondazione Matteucci presenta un’affascinante selezione, che muove dal primo Ottocento e approda al Novecento, con affondi intenzionali e suggestivi nei due dopoguerra, entrambi forieri di grandi mutamenti. Opere sceltissime, talvolta mai prima esposte, di
Fattori e Lega, Induno, Favretto, Casorati e Sironi, tra gli altri.

In questa parata di donne ritratte o idealizzate, nessuno dei modelli prevalenti manca all’appello: l’eterna Eva si presenta di quadro in quadro in condizioni mutevoli di status e umore, angelo della famiglia o sirena ammaliatrice, popolana o borghese, lavoratrice o padrona di casa della buona società, lieta o malinconica, operosa o riflessiva.

In esse si riconosce in filigrana non solo la Musa ispiratrice, ma anche gli infiniti altri prototipi stratificati nell’immaginario culturale dell’Occidente.

La purissima Maria Vergine e la peccatrice Maddalena, Lia e Marta simboleggianti la vita attiva con Rachele e Maria allegorie della vita contemplativa, la carnale Venere e la materna Giunone, Salomè la seduttrice e Circe la maga. Donne che oggi si potrebbero definire come “realizzate”, nonostante il loro non volersi porre al centro del palcoscenico.

L’eterna musa. L’universo femminile tra ‘800 e ‘900

  • A cura di Giuliano Matteucci; con interventi di Cristina Acidini e Camilla Testi.
  • Centro Matteucci per l’Arte Moderna
  • Via G. d’Annunzio, 28 Viareggio
  • tel. 0584 430614 info@cemamo.it
  • www.cemamo.it
  • 2 giugno – 3 novembre 2019.
  • Orari: dal 2 giugno al 1 settembre: mar/ven 17.30 – 22.00 ; sab/dom 10.00 – 13.00; 17.30 – 22.00; dal 3 settembre al 3 novembre: mar/ven 15.30 – 19.30; sab/dom 10.00 – 13.00; 15.30 – 19.30; no lunedì
  • Ufficio Stampa Studio ESSECI, Sergio Campagnolo gestione3@studioesseci.net
artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento