Scicli e l’ipotesi di un nuovo museo: avvio di nuovi progetti e un format diffuso

A Scicli si è conclusa la rassegna d’arte contemporanea Ex Machina  ma il team di lavoro ha ripreso a progettare per trasformare il progetto in un appuntamento annuale. Così, dopo la chiusura dell’esposizione all’ex Convento del Carmine e a Palazzo Bonelli Patanè dove gli artisti coinvolti (Valentino Bianchi, Francesco De Grandi, Alex Majoli, Lola Montes Schnabel, Parasite 2.0, Isabella Pers, Tiziana Pers, Matilde Sambo, Giuseppe Stampone, Stella Laurenzi e Sasha Vinci) attraverso le loro opere hanno cercato di stimolare una riflessione individuale prima e collettiva poi su tematiche sociali, politiche, ambientali, economiche, si è già fatta avanti la volontà di guardare al futuro verso nuovi progetti.

Nata da un’idea di Site Specific e galleria aA29 Project Room, con la direzione artistica di Rosa Cascone e Lara Gaeta, Ex Machina ha infatti proposto una concezione più profonda dell’arte e una visione più ampia della sua funzione: arte come spunto di analisi critica della società e dei suoi fenomeni.

Un ruolo che nel passato le era proprio, ma che col tempo è andato affievolendosi: Ex Machina ha voluto recuperarlo e su di esso costruire l’originalità del suo programma. I comizi d’arte, ad esempio: momenti di dibattito aperti a tutti, addetti ai lavori e non, per approfondire il rapporto dell’arte con l’attivismo, la natura, l’immagine e il territorio grazie ai contributi di professionisti nel ruolo di osservatori come Laura Barreca (direttrice Museo Civico di Castelbuono e direttrice del Museo delle Arti di Carrara | mudaC), Maurizio Bortolotti (critico d’arte, curatore indipendente e docente alla NABA di Milano), Rossella Farinotti (direttrice esecutiva dell’Archivio Gio’ Pomodoro) e, con un contributo audio, Diego Mantoan, docente all’Università Ca’ Foscari di Venezia e curatore indipendente.

Un impegno propositivo, poi, con la presentazione del MANIFESTO DEI MUSEI DEI PICCOLI BORGHI E DEI TERRITORI, un’iniziativa guidata da Laura Barreca e sostenuta da un gruppo di mediatori culturali che hanno voluto raccontare una visione diversa del concetto di museo. E ancora, il coinvolgimento del pubblico nelle performance di alcuni artisti: un invito ad assumersi una precisa responsabilità di fronte alla collettività per una presa di coscienza singola e comunitaria.

Ex Machina a Scicli è stato il primo passo di un cammino molto più lungo. Due le strade da perseguire nelle future intenzioni degli organizzatori: l’esportazione del format in altre città italiane e la calendarizzazione annuale del progetto nel programma di eventi della cittadina siciliana che per prima lo ha ospitato. Unica la meta da raggiungere: che l’arte si riappropri di se stessa, non mera esposizione del “bello artistico”, ma stimolo critico per una crescita comune.

Info

  • Ufficio stampa MediaLive info@medialivecomunicazione.com
  • Direzione Artistica: Rosa Cascone; Lara Gaeta
  • Site Specific – www.sitespecific.it – infositespecific@gmail.com
  • aA29 Project Room – www.aa29.it – info@aa29.it
  • EX MACHINA – Ex Convento del Carmine / Palazzo Bonelli Patanè
  • ARTISTI: Valentino Bianchi; Francesco De Grandi; Alex Majoli; Lola Montes Schnabel; Parasite 2.0; Isabella Pers; Tiziana Pers; Matilde Sambo; Giuseppe Stampone; Sasha Vinci
  • DIREZIONE ARTISTICA: Rosa Cascone; Lara Gaeta
  •  OSSERVATORI: Laura Barreca; Maurizio Bortolotti; Rossella Farinotti;  Diego Mantoan
  • PROMOTORI: Site Specific; aA29 Project Room;
  • PATROCINI: Comune di Scicli
  • PARTNER: Rizzuto Gallery; Associazione Culturale SEM; Cooperativa Sociale Agire; Scicli Albergo Diffuso; Leftover; Triumph Corallo Ragusa; Leo Nardin 1923 Wines; Pro Loco Scicli; Vira
artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

Commenta

clicca qui per inviare un commento