Orlando. Allenarsi allo spaesamento. 14-23 maggio

Allenarsi allo spaesamento
Ottava edizione del Festival Orlando
Identità, relazioni, possibilità
A Bergamo dal 14 al 23 maggio 2021

Non vi porto nessuna notizia dai margini, vi porto un pezzo di orizzonte.
Paul B. Preciado

C’è voglia di “normalità”. Di trovare un nuovo equilibrio. Il bisogno di riappropriarsi delle proprie libertà, anche le più semplici, tornare a vivere le proprie relazioni, con leggerezza. E in questa cornice il Festival Orlando, di Associazione Culturale Immaginare Orlando APS e Laboratorio 80 con il sostegno di Comune di Bergamo e con il patrocinio di Provincia di Bergamo, Tavolo Permanente contro l’Omolesbobitransfobia e Università degli Studi di Bergamo, sceglie di raccogliere la sfida del periodo e, con decisione, presenta l’ottava edizione, che si svolgerà a Bergamo dal 14 al 23 maggio.

Un’edizione che vuole essere un laboratorio collettivo, una ricerca condivisa di nuovi modi per ricostruire comunità a partire dalla cultura e che si interroga, prima di tutto, sulla fattibilità di una proposta culturale che deve fare i conti con le incertezze rispetto alla forma e alle modalità con cui potrà presentarsi al pubblico. Nonostante le difficoltà l’obiettivo è portare contenuti ricchi, preziosi, pieni di stimoli, di visioni nuove e inconsuete, grazie anche a una preziosa rete di collaborazioni sul territorio bergamasco e non solo, scegliendo di fare di questo momento di confusione il punto di partenza e di crescita.

Allenarsi allo spaesamento è, infatti, il tema dell’ottava edizione.

Viviamo un momento in cui abbiamo perso i nostri punti di riferimento, è richiesto molto impegno per affrontare questo tempo sottosopra, eppure aiuta a guardare le cose con occhi nuovi, a ribaltare le prospettive, dà la possibilità di abbandonarsi alla corrente e lasciarsi stupire da quello che incontreremo nel nostro fluire.

immagine per Orlando

Uno spaesamento che sia un atto di pazienza e speranza condivisa.

Orlando, il festival queer bergamasco, punta in alto, e anche quest’anno propone un palinsesto che si sviluppa nell’arco di 10 giorni, coinvolge luoghi e partner diversi della vita culturale, e non solo, della città, e presenta proposte differenti: performance, film, laboratori e incontri.

La programmazione degli eventi, qualora le restrizioni non permetteranno lo svolgimento così come organizzato, verrà svolta in parte online e in parte recuperata nei mesi successivi entro ottobre, garantendo tutto il palinsesto.

Gli appuntamenti performativi, pensati per essere fruiti in presenza, in diversi luoghi culturali della città inaugurano l’ottava edizione, allenando allo spaesamento:

  • Sparks 2021 di Francesca Grilli, promosso da Contemporary Locus in partnership con Corpoceleste, in collaborazione con GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo e realizzato grazie al sostegno dell’Italian Council. La performance si costruisce a partire da un ribaltamento della relazione di potere tra infanzia e mondo adulto nell’immaginare il futuro.
  • Sorry, But I Feel Slightly Disidentified… di Benjamin Kahn con Cherish Menzo è il primo pezzo di una trilogia dedicata al ritratto, alla costruzione e decostruzione dello sguardo sul corpo, organizzato con il sostegno dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi e in collaborazione con il progetto #tuoCarmine del Teatro tascabile di Bergamo.
  • Dialogo terzo: In a Landscape di CollettivO CineticO e Alessandro Sciarroni, organizzato in condivisione con Festival Danza Estate, terzo capitolo del progetto Dialoghi della compagnia CollettivO CineticO, guidata da Francesca Pennini, Alessandro Sciarroni compone una coreografia il cui titolo prende ispirazione dall’omonimo brano di John Cage.
  • Ti voglio un bene pubblico di e con Elisabetta Consonni in collaborazione con Sara Catellani, è un gioco urbano che attraversa gli spazi pubblici e riflette su infrastrutture di divisione quali cancelli, muri, recinti, si svolgerà nel quartiere di Celadina ed è realizzato in collaborazione con la Rete di Quartiere di Celadina. Perdersi per ritrovarsi, guardare le strade e gli spazi urbani con occhi diversi. Tristano è il nuovo spettacolo di marionette di e con Sophie Hames, un’anteprima assoluta, co-produzione Festival Orlando, per adulti e adolescenti, tratto liberamente dalla storia di Tristano e Isotta.
  • Evento Extra Festival, in programma il 12 giugno, Un Pojo Rojo di Nicolàs Poggi e Luciano Rosso, organizzato in condivisione con Festival Danza Estate, porta in scena due danzatori, sportivi e acrobati che si affrontano nello spogliatoio di una palestra proponendoci, con la loro sapiente partitura fisica, un surreale cocktail che mischia le costruzioni culturali sulla virilità, vanità, conflitto, seduzione, ambiguità e desiderio, abbracci e battaglie.

Gli appuntamenti per la sezione cinematografica sono pensati per una proiezione in modalità mista, in parte in sala, all’Auditorium di Piazza della Libertà, in parte online, sulla piattaforma OpenDDB. I film in programma, qualora le sale cinematografiche fossero chiuse, saranno presentati online.

In programmazione 9 film più uno, evento speciale programmato per settembre, tutte prime visioni bergamasche di cui 4 anteprime nazionali:

  • Kapana di Philippe Talavera (Namibia 2020) è un’anteprima europea, primo film LGBTQ+ prodotto in Namibia e proiettato in collaborazione con il Tavolo contro l’Omolesbobitransfobia di Bergamo,
  • Heute oder Morgen (Before We Grow Old) di Thomas Moritz Helm (Germania 2019), anteprima nazionale in collaborazione con MIX Copenhagen LGBTQ+ Film Festival,
  • Vagli a spiegare che è primavera di Sara Luraschi e Lucio Guarinoni (Italia 2021), anteprima assoluta e co-produzione del Festival Orlando, documentario del collettivo artistico Sguardi di un certo genere,
  • infine OverTour di Andrea Zanoli (Italia 2021), anteprima assoluta che verrà presentato come Evento Extra Festival a settembre all’interno di Esterno Notte.

I film selezionati propongono un’ampia rosa di tematiche, che rappresentano il queer in senso ampio e che seguono il filo conduttore del Festival, l’allenarsi allo spaesamento, al cambiamento di punto di vista, di cultura, di area geografica, di sguardo.

Due film raccontano storie con protagoniste persone trans, in ambiti e contesti storici diversi, il primo Tengo miedo torero di Rodrigo Sepúlveda, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2020, racconta la storia di una donna trans e di un attivista politico nel Cile di Pinochet, il secondo, Lola vers la mer di Laurent Micheli, presentato alla Festa del Cinema di Roma 2019, è il racconto di un lutto e di una relazione complicata tra una figlia e suo padre; due titoli hanno protagonista la giovinezza, uno segue l’estate di una giovane coppia aperta e poliamorosa di Berlino, Heute oder Morgen (Before We Grow Old) di Thomas Moritz Helm e l’altro, sempre tedesco, che si interroga sulle migrazioni, l’amore e l’identità come senso di appartenenza culturale, Futur Drei (No Hard Feelings) di Faraz Shariat presentato al Berlino Film Festival 2020. Non mancano i temi legati agli orientamenti sessuali in Kapana di Philippe Talavera, ambientato in Namibia dove l’omosessualità è ancora un reato penale e in La Nave del Olvido di Nicol Ruiz Benavides, che racconta un viaggio di rinascita e liberazione di una donna, non più giovane, rimasta vedova. Ma anche le relazioni e le identità fluide, come in Vagli a spiegare che è primavera di Sara Luraschi e Lucio Guarinoni o i social network e la loro influenza nella vita relazionale, come in Fucking with Nobody di Hannaleena Hauru, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2020. In collaborazione con Bergamo Film Meeting viene anche presentato il corto di animazione Toomas Beneath the Valley of the Wild Wolves di Chintis Lundgren.

A completare la programmazione 5 laboratori, 3 incontri e una rassegna di cortometraggi queer, Orlando Shorts, curata da un gruppo di ragazze/i under 25 che ne hanno gestito la direzione e la selezione dei cinque titoli, provenienti da una rosa di proposte suggerite da Pink Screens Film Festival e Sardinia Queer Film Festival.

Nei laboratori tornano due progetti cari al Festival: Over60 un laboratorio di creazione destinato a signore over 60 alla scoperta del corpo, in movimento e mutamento, nelle sue molteplici forme espressive, curato da Silvia Briozzo e Barbara Boiocchi, in collaborazione con Festival Danza Estate e Dance Well con Michela Negro e Simone Baldo. La pratica nasce per persone con Parkinson, aprendosi poi a tutte e tutti in modo trasversale, inclusivo, intergenerazionale, proposta in collaborazione con Festival Danza Estate e Accademia Carrara, con il sostegno di Chiesa Valdese. Nuove proposte di questa edizione, sono: Abracadabra #LoveinProgress di e con Irene Serini, quinto e ultimo studio teatrale dell’artista, indaga i legami tra identità di genere ed educazione infantile traendo spunto dal pensiero di Mieli, e Macchie diventano cose di Stefania Visinoni, un laboratorio artistico per bambini e bambine, adulti e adulte, che potranno divertirsi fianco a fianco.
Un’ultima, preziosa proposta laboratoriale si rivolge a operatori, operatrici e enti culturali della città: Praticare alleanze del collettivo di artiste/i con disabilità Al. Di. Qua. Artists, con Diana Anselmo, Dalila D’Amico, Aristide Rontini, vuole proporre un cambio di sguardo sull’accessibilità dei progetti culturali, sia nella parte della loro fruizione che produzione. Questa iniziativa è realizzata con il sostegno di Confcooperative Bergamo e Associazione In-Oltre, in collaborazione con Officine Tantemani, e segna il primo passo di un percorso che si desidera approfondire nei prossimi mesi, perché davvero la cultura sia uno spazio di trasformazione per tutti e per tutte. 

Infine gli incontri: Giocare gli spazi per intessere percorsi con Elisabetta Consonni, Adolescenze Fluide con Giuseppe Burgio e Viaggio nel cinema queer con Andrea Inzerillo e in collaborazione con Fondazione Brescia Musei – Nuovo Eden, Brescia.

Le prenotazioni agli eventi, richiesta per tutte le iniziative in programma, si apriranno dai primi giorni di maggio, la data precisa verrà comunicata sui canali social e il sito internet di Orlando

guarda il trailer

Dichiarazioni

Nadia Ghisalberti, Assessora alla Cultura del Comune di Bergamo:

“Ci stiamo lentamente avviando verso una nuova normalità e siamo fiduciosi in una graduale riapertura dei luoghi della cultura, a patto ovviamente che tutte le normative di sicurezza sanitaria vengano fermamente rispettate. La crisi, che ha messo in ginocchio tutto il settore culturale, ha fatto emergere una forte volontà di resilienza, accompagnata dal desiderio di ripartire migliorando se stessi, puntando alla crescita, allargando i campi delle possibilità. ORLANDO, dopo la complicata edizione dell’anno scorso, torna con la sua energia e il suo slancio innovativo, proponendo una programmazione di grande interesse e profonda nello scandagliare tematiche delicate e spesso ancora difficili. E lo fa non solo con l’originalità delle scelte artistiche e un approccio multidisciplinare, ma anche con una tenace capacità di tessere relazioni, confronto fecondo che gli ha permesso di radicarsi nel tessuto cittadino, con importanti effetti in termini di diffusione delle tematiche care al Festival. Il tema  scelto per questa edizione è quanto mai adatto ai nostri tempi e sono certa che sarà da stimolo per tutti noi a riflessioni ampie, ad un superamento della crisi in ottica rigenerativa e, perché no, ad una nuova leggerezza.”

Romina Russo, Consigliera Provincia di Bergamo con delega alla cultura e alle pari opportunità:

“Grazie a Immaginare Orlando, in modo speciale a Mauro Danesi, che anche quest’anno, nonostante le difficoltà dovute alla pandemia Covid, ha voluto mantenere l’appuntamento con il Festival Orlando.
Penso che in questo contesto storico e alla luce del drammatico periodo che abbiamo vissuto, sia ancora più centrale e prioritario il ruolo della cultura come responsabilità collettiva e di condivisione, capace di leggere la realtà nella sua complessità e dare nuovo impulso alla crescita della società. Uno strumento di dialogo e di coesione sociale capace di creare relazioni e processi sociali. E soprattutto su temi come quello dell’identità, dei generi, delle rappresentazioni del corpo, temi su cui Orlando è impegnata e che costituisce una realtà consolidata, che anche quest’anno la Provincia sostiene convinta dell’importanza di questo Festival per una visione della società come luogo inclusivo delle differenze, che garantisca a tutti pari diritti ed opportunità.“

Mauro Danesi, direttore artistico Festival Orlando:

Proporre un Festival, in un tempo di incertezze e crisi come questo, è tanto complesso quanto necessario per far emergere domande e collettivamente cercare soluzioni possibili.
Con questa ottava edizione di Orlando vogliamo proporre uno spazio sicuro e accogliente dove potersi allenare a cercare nuove prospettive e punti di vista: sentirsi spaesati e cercare una reazione insieme. Abbiamo scelto performance, film, momenti di incontro e laboratorio che possano essere stimoli per cercare nuove grammatiche della vita collettiva.
Siamo sul crinale di un cambiamento, tutto è crollato e abbiamo la possibilità di ricostruire in modo nuovo e più equo per tutti e per tutte. Riusciremo? Dobbiamo tentare.

Orlando Identità | Relazioni | Possibilità

Ottava Edizione

  • è un progetto di Associazione Culturale Immaginare Orlando APS e Laboratorio 80.
  • Con il sostegno di Comune di Bergamo.
  • Con il patrocinio di Provincia di Bergamo, Tavolo permanente contro l’omolesbobitransfobia del Comune di Bergamo, Università degli Studi di Bergamo.
  • Con il contributo di Fondazione Cariplo, Provincia di Bergamo, Fondazione ASM, Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi, Fondazione A.J. Zaninoni, ARCI Bergamo, CGIL Bergamo, COOP Lombardia, Confcooperative Bergamo, Associazione In-Oltre.
  • Con la collaborazione di Festival Danza Estate, Accademia Carrara, Contemporary locus, GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, KOHRO – Inspiring interiors, Dance Well, Bergamo Film Meeting, IFF – Integrazione Film Festival, Lab 80 film, Teatro Prova, Qui e Ora residenza teatrale, Consorzio Solco Città Aperta, Bergamo per i Giovani, HG80 Impresa Sociale, Officine Tantemani, Divercity, Rete sociale #abitareceladina, Büro, Daste, TTB – Teatro tascabile di Bergamo, SUB-TI, Fondazione Brescia Musei, Cinema Nuovo Eden, Otto per mille della Chiesa Valdese.
  • Il progetto Sparks 2021 è realizzato grazie al sostegno di Italian Council, programma di promozione internazionale dell’arte italiana della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.
  • Media Partner Bergamo News, OpenDDB.
  • Orlando è un Green friendly event.
  • Orlando fa parte di EFFE – Europe for Festivals, Festivals for Europe, Associazione di promozione sociale Educare alle differenze – Rete Nazionale, Coordinamento dei festival italiani di cinema LGBTQI.

Festival partner: Gender Bender (Bologna), Sicilia Queer Filmfest (Palermo), Festival MiX (Milano), Some prefer cake (Bologna), BIG – Bari International Gender Film Festiva (Bari), Immaginaria Film Festival (Roma), Florence Queer Festival (Firenze), Sardinia Queer Short Film Festival (Cagliari), What You See Festival (Utrecht, Paesi Bassi), Pink Screens Festival (Bruxelles, Belgio), MIX Copenhagen LGBTQ+ Film Festival (Copenhagen, Danimarca).

Per informazioni:

Ufficio stampa:

eventi e segnalazioni

eventi e segnalazioni

La cultura della contemporaneità nelle sue molteplici declinazioni

commenta

clicca qui per inviare un commento