di

Vasilij Kandinskij

L’arte oltrepassa i limiti nei quali il tempo vorrebbe comprimerla, e indica il contenuto del futuro.

1 commento

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • ..beh,io avrei detto che l’arte lancia dei messaggi che verranno letti e decodificati nel futuro..non che lo racchiude.. ..per fare un banale esempio,prendiamo le sculture dei grandi uomini del passato..le fattezze erano tali da poterne tramandare il pensiero che avevano in quel momento,le virtu’,addirittura lo stato d’animo scolpito nel volto..eternizzare nel marmo e’ il succo della scultura,secondo me..e vaga nei secoli ai posteri.. ma l’arte in se’ per se’non oltrepassa i limiti del tempo,anzi piu’ e’ datata e in teoria piu’ ha valore.. volevo togliermi un ultimo sassolino nella scarpa..un tempo si credeva che la scultura fosse piu’ importante della pittura,perche’ una statua e’ tridimensionale,cioe’ puo’ esser vista da ogni punto..frontale,di spalle,ecc.. il dipinto,logicamente,no..questa filosofia e’ andata avanti finche’ un Tiziano ha dipinto La donna allo specchi, e finalmente possiamo vedere sia il volto del soggetto,ma anche la nuca e un ombrato tratto di spalle..et voila’,quell’idea della superiorita’ della scultura sul dipinti,si sgretola..quindi,il tempo puo’ comprimere benissimo l’arte,e l’arte a sua volta puo’ diventare “datata”. e’ tutto. ciao. Alberto

La frase della settimana…

Loading

Archivi PDF

Gli articoli non più online li trovi negli Archivi:
Articoli in PDF per mese