Elias Canetti

Nei libri che ricordiamo c’è tutta la sostanza di quelli che abbiamo dimenticato.

artapartofculture redazione

artapartofculture redazione

E’ un magazine nato con l’intento di trattare in maniera agile e approfondita, di promuovere, diffondere, valorizzare le arti visive e più in generale la cultura della contemporaneità nelle sue molteplici manifestazioni

1 commento

clicca qui per inviare un commento

  • non sono daccordo..i libri che abbiamo dimenticato,come tante cose,sono solo rimossi perche’ magari ci han fatto riflettere troppo profondamente e non eravamo pronti in quel dato momento..riprendere un libro in mano dopo anni,avendolo gia’ letto una volta,puo’ diventare importante perche’ ora ci trova pronti per elaborare e metabolizzare..quindi,diventa sostanza perche’ lo ricordiamo..anche se prima l’avevamo dimenticato..e’ tutto. ciao. Alberto