Video-intervista a Costanza Paissan, curatrice di No Trace al MACRO

Il museo comunale romano, ora completato, è un grande orgoglio recuperato, dove la diversità degli spazi offre tante possibilità espositive e curatoriali.
Per art a part of cult(ure) abbiamo intervistato la giovane e brava curatrice Costanza Paissan sulla mostra da lei curata No Trace alla sala 9 del romani MacRo.
La mostra vede 2 fotografi messi a confronto: Beatrice Pediconi e Roberto De Paolis.
I grandi formati accostati a coppie riempiono la grande sala, presentandoci  immagini opposte: dense e scure quelle di De paoli, leggere e chiare quelle della Pediconi.
Vi invitiamo a seguire l’intervista di Costanza Paissan che ci parla della politica del MacRo volta ai giovani artisti e del perché di No Trace, e del come si crea una mostra in museo della portata museo comunale di Roma.

Giovanna Sarno

Giovanna Sarno

Giovanna Sarno, romana, si è formata all’Università di Psicologia all’Università di Roma “La Sapienza” e si è laureata alla facoltà di Lettere e Filosofia nella stessa sede universitaria; nel 1992 consegue un proficiency presso la University of Sussex e fa uno stage di 3 mesi per compilazione lecture su Luise Nevelson al Whitney Museum di New York, NY, USA. Ha vissuto e lavorato a Brighton U.K. ed è poi rientrata in Italia, occupandosi di conduzione storico-artistica per le residenze aristicratiche di Roma e Lazio per il Ministero degli Esteri e agenzie britanniche, e proseguendo le sue attività di curatrice di mostre e rassegne di arte contemporanea intensificate dopo il Master di II Livello per Curatrice di mostre ed eventi presso l’Università di Roma “La Sapienza”.

Commenta

clicca qui per inviare un commento