di

La mostra che non ho visto #33. Daniela Perego

Daniela Perego in un autoritratto fotografico
Daniela Perego in un autoritratto fotografico

Caro Gianni,
a lungo ho cercato una risposta alla tua domanda ma è molto difficile per me poter soddisfare la tua richiesta.
Non so chi o cosa avrei potuto vedere di così potente tanto che la mia vita ne potesse essere stravolta.
Non mi fraintendere non sto peccando di presunzione, ma credo che tu intuisca quanto il mio lavoro parta da dentro di me e quindi poco o nulla ha il potere di influenzarlo. O forse potrei dire che niente in particolare ma tutta la vita stessa ha un effetto travolgente su di me e quindi per assurdo tutte le mostre mancate.
Non solo tutte le mostre mancate ma soprattutto le esperienze non vissute i luoghi non visti, le persone non conosciute. So che questo viene difficilmente compreso ma dopo lunghe riflessioni proprio non riesco a trovare una risposta precisa. Il mio lavoro nasce da una esigenza espressiva di quello che provo e ho provato nella vita, in definitiva, sono emozioni comuni a ognuno noi ma tutto sottilmente e inesorabilmente parte da lì.
Ho cercato di “parlare” dell’assenza, dell’inadeguatezza alla vita, della solitudine e in ultimo della morte. Anche se sono temi pesanti e sicuramente dolorosi spero comunque di aver dato un punto di vista tutto sommato poetico e a volte ironico. Questa breve introduzione al mio lavoro è solo per far capire il perchè della mia difficoltà a trovare una mostra che avrebbe potuto avere un così forte impatto sulla mia vita, parto da un’altra parte, dall’interno.

Forse mi posso immaginare qualcosa di impossibile o “terribilmente” potente che la natura, che tu sai bene quanto io ami, mi potrebbe offrire. Volare dentro l’aurora boreale, essere travolta da un tornado, stare dentro un bosco di notte durante una tempesta di fulmini, nuotare in un onda anomala, stare dentro un vulcano in eruzione e ancora, ancora…

Ma stiamo con i piedi per terra, si fa per dire, forse più che una mostra perduta è non aver avuto la possibilità di vedere come lavorava Giotto, che io amo moltissimo, o Caravaggio o, per stare al presente, Bill Viola. Ma questo non risponde alla tua domanda.
In conclusione non ho una risposta, o meglio, la mia risposta è che non c’è mai stata e probabilmente non ci sarà mai.

Commenta

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Rubriche

ArtApartEvents 2016

Dona ora!