Di là dal Faro. Paesaggi e pittori siciliani dell’Ottocento

Una mostra interamente dedicata alla Sicilia e alla rappresentazione del suo paesaggio, con oltre cento opere di artisti siciliani o stabilmente attivi sull’isola. S’intitola Di là dal Faro. Paesaggi e pittori siciliani dell’Ottocento, promossa dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo e organizzata da Civita Sicilia, è attualmente ospitata nelle sale del piano nobile di Villa Zito (http://fondazionesicilia.it/it/patrimonio/Villa-Zito@a107) a Palermo.
L’importante rassegna, curata da Sergio Troisi e Paolo Nifosì, riunisce per la prima volta in un’unica esposizione artisti la cui produzione si colloca in un arco temporale molto ampio, che va dalla costituzione del Regno delle Due Sicilie sino all’epilogo della Prima Guerra Mondiale. Sebbene nella tradizione artistica isolana il genere paesaggistico sia assente o del tutto minoritario per buona parte del XVIII secolo, la letteratura di viaggio del Grand Tour e la ricca produzione di stampe a corredo hanno fortemente influenzato la pittura del tempo, individuando un repertorio di luoghi e un’iconografia ampiamente diffusi presso il pubblico colto europeo.
Nel percorso espositivo, che si articola in sei aree tematiche, i protagonisti sono i luoghi che la pittura ottocentesca siciliana predilige, con particolare attenzione al paesaggio costiero e a quello interno: il Monte Pellegrino, Erice, Taormina, l’Etna, Segesta; ma trova spazio anche l’uomo, attraverso la raffigurazione delle sue principali attività: dalla pesca all’agricoltura, fino al lavoro nelle miniere.
Tra le opere in mostra, la grande tela di Francesco Lojacono Dall’Ospizio marino, in prestito dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di ROMA-GNAM (http://www.gnam.beniculturali.it/index.php?it/23/gli-artisti-e-le-opere/794/dallospizio-marino); Al sole di Ettore De Maria Bergler e, dello stesso autore, Conca d’oro proveniente dalla veneziana Galleria d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro; l’imponente dipinto di Francesco Ardizzone Mancini Marina di Acireale. Rappresentati, inoltre, quasi tutti gli autori importanti della pittura ottocentesca siciliana, con opere provenienti sia da collezioni pubbliche che private: Giuseppe Patania, Tommaso Riolo, Francesco Zerilli, Giuseppe Sciuti, Antonino Leto, Michele Catti e numerosi dipinti da poco rinvenuti nel mercato antiquario come Tramonto sulla costa e Le guardianelle di Francesco Scarpinato.

Le opere esposte sono accompagnate da citazioni letterarie riprodotte su pannelli e tratte dalle pagine degli scrittori della grande stagione della letteratura siciliana, Verga, Capuana, De Roberto e, infine, Pirandello che arricchiscono l’esposizione di grande forza narrativa accompagnando il visitatore alla scoperta di una Sicilia del tempo passato.

Info

  • Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell’Ottocento
  • Palermo, Villa Zito via Libertà 52 – Palermo
  • 9 ottobre 2014/9 gennaio 2015
  • Orari di apertura: martedì – domenica ore 10 – 13, 16-20. Lunedì chiuso
  • Ingresso gratuito
  • tel. 091.8887767
  • www.mostradiladelfaro.it
  • mostradiladelfaro@civita.it
Sofia Li Pira

Sofia Li Pira

Avvocato, palermitana di nascita ma romana d'adozione, nella sua attività si occupa prevalentemente di diritto d'autore,dei beni culturali e legislazione dello spettacolo. Scrive di arte contemporanea e fotografia, ma anche di lifestyle, cultura e viaggi.

Commenta

clicca qui per inviare un commento