logo di Gita al faro con link al sito
di

Quando il peperoncino diventa grafica

Rossi, rossofuoco, neri, gialli, verdechiaro, verdescuro, banana, cioccolato, arancioni, violetti. Opachi, brillanti, con piccole venature, puntinati. Lunghi, corti, sottili, tondi, grandi, piccoli, infinitesimali, a cuore, a zucca, a corno, a grappolo, a spada, ricurvi. Piccanti, piccantissimi, estremamente piccanti, medi, dolci, aromatici, ornamentali…
Dall’Italia (centinaia) dalle Americhe, dal Cile, dall’India, dalle Antille, dal Bangladesh (i più piccanti al mondo), dall’Africa, dall’ Azerbaijan… sono i peperoncini, i “capsicum” e sono stati in mostra a Rieti, sotto le volte del Palazzo Papale, in occasione della (contestatissima)  Fiera Campionaria Mondiale del Peperoncino.
Servono a condire, a suscitare nuovi sapori, possono essere riempiti, sminuzzati, macerati nell’olio, mangiati in un campionato italiano (la campionessa in carica, Anna Greco, è arrivata a consumarne 750 grammi), sono belli a vedersi e, in uno sguardo di insieme diventano protagonisti di grafismi inaspettati. Piccanti. Contemporanei.

Il cursore diretto sulle immagini visualizzerà le didascalie; cliccare sulle stesse per ingrandire.

Commenta

clicca qui per inviare un commento

teniamo a bada lo spam * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Rubriche

ArtApartEvents 2016

Dona ora!