Unstable / Enviroments. Dalla galleria alla fabbrica. Vittorio Corsini e il nuovo progetto di Marco Scotini

La  Galleria Frediano Farsetti di Milano, nota internazionalmente dal 1999, anno della sua fondazione, per la sua proposta essenzialm,ente legata al Novecento e ai grandi maestri di quall’ambito storico, inaugura un nuovo corso aprendosi al contemporaneo; lo fa con un progetto in partnership con Arte in Fabbrica, un nuovo spazio espositivo che porterà l’arte all’interno di un’azienda dell’interland fiorentino (Calenzano), la Gori Tessuti, un’eccellenza italiana nel campo del tessile (negli ultimi anni ha contribuito alla realizzazione dei costumi e degli arredi di film e fiction come  “Il Gladiatore”, “Pirati dei Caraibi”, “Aladdin”, “Marco Polo”, “La la Land” e a molte altre produzioni di successo).

Il progetto, in forma doppia, ovvero concepito appositamente per i due spazi, la galleria milanese e la fabbrica fiorentina, ha titolo UNSTABLE –  ENVIROMENTS  ed è a cura di Marco Scotini che in questa prima collaborazione ha coinvolto Vittorio Corsini (Cecina, LI, 1956; vive e lavora a Milano). L’intervento dell’artista sulla porta d’ingresso della Galleria Frediano Farsetti è un lavoro per “cancellazione”: dell’entrata; qui è apposto un cartello che prelude in qualche modo a un cambiamento. Di parametri? Emozioni? Attitudine? Punti di vista?

All’interno della galleria un ambiente in trasformazione, equilibri instabili, bianchezza che azzera tutti i segni, una scultura luminosa e ancora, fragili edifici in bilico su prismi di marmo che conquistano la verticalità dello spazio, raggiungendo il ballatoio posto al primo piano della galleria stessa. Arte in Fabbrica stabilisce la sua sede all’interno dei 10.000 mq del capannone e l’apertura al pubblico dell’iniziativa d’arte è la stessa che scandisce i ritmi produttivi dell’azienda; l’intento è dichiarato, quindi: vita, arte e lavoro senza soluzione di continuità.

Le opere che Corsini concepisce per Calenzano diventano metafora di un rapporto tra l’individuo e il mondo, tra lo spazio privato e quello condiviso, tra quello domestico e quello sociale.

L’immagine della casa, icona costante nel lavoro dell’artista, trova qui diverse traduzioni spaziali: una dimensione progettuale nelle mappe tridimensionali in acciaio appese alle pareti e una installativa, nella casa sospesa al soffitto con un filo che ruota lentamente proiettando un fascio di luce sul pavimento. Dirimpetto, un grande quadro a olio: un bosco segnato da una strada che ci proietta fuori dalla stanza indicando una nuova prospettiva.

Info mostre

  • Unstable / Enviroments, Vittorio Corsini
  • a cura di: Marco Scotini
  • Sedi espositive:
  •  – UNSTABLE – Galleria Frediano Farsetti, via della Spiga 52 (ingresso da Via Manzoni), Milano.
  • Lunedì 15-19. Da martedì a sabato 10-13 /15-19. Aperta domenica 7 aprile e domenica 14 aprile 10-13 / 15-19. Tel. 02 794274, info@galleriafredianofarsetti.it, www.galleriafredianofarsetti.it
  • Inaugurazione 5 aprile fino al 11 maggio 2019.
  • ENVIRONMENTS – Arte in Fabbrica, via Vittorio Emanuele 9, Calenzano Firenze.
  • Aperta da lunedì a venerdì 10-13 /15-18. Info tel. 055 8876321, arteinfabbrica@goritessuti.com
  • Inaugurazione 13 aprile fino al 30 settembre 2019.
  • Catalogo: testi di Marco Scotini, Gli Ori editori contemporanei, 2019.
  • Ufficio stampa: Silvia Pichini, silviapichini@ngi.it, mob. 347 45 36 136
Paolo Di Pasquale

Paolo Di Pasquale

Paolo Di Pasquale si forma studiando prima Architettura poi Disegno Industriale a Roma, specializzandosi in Lighting design. Nel 2004 è co-fondatore dello STUDIOILLUMINA, dove si occupa principalmente di Architectural Lighting Design e Luce per la Comunicazione: lo Studio progetta e realizza allestimenti espositivi e museali, ideazione della luce, corpi illuminanti, scenografia notturna - nel settore della riqualificazione urbana e in progettazione di arredi (porti turistici, parchi, giardini, piazze etc.)-, piani della luce per alcuni Comuni italiani e spettacoli di luce. Nel 2007 fonda lo Studio BLACKSHEEP per la progettazione di architettura di interni e di supporto alla pianificazione di eventi, meeting e fiere. E' interessato alla divulgazione della cultura della luce e del progetto attraverso corsi, workshop, convegni e articoli. Ha insegnato allo IED e in strutture istituzionali. E’ docente di Illuminotecnica presso l’Istituto Quasar - Design University Roma di nel corso di Habitat Design e in quello di Architettura dei Giardini. E' Redattore di art a part of cult(ure) per cui segue la sezione Architettura, Design e Grafica con incursioni nell'Arte contemporanea. Dal 2011 aderisce a FEED Trasforma Roma, collettivo di architetti romani che si interroga sul valore contemporaneo dello spazio pubblico esistente, suggerendone una nuova lettura e uso con incursioni e azioni dimostrative sul territorio metropolitano.

Commenta

clicca qui per inviare un commento