Arte compressa #48 – Il saluto a Emilio Conciatori, un anno dopo

immagine per Emilio Conciatori
Emilio Conciatori

Emilio Conciatori (Roma, 5 gennaio 1933 – 17 gennaio 2017) artista scomparso lo scorso anno al culmine di una vita piena come poche altre, è un uomo ben raccontato dalle sue opere, anzi, alle quali somigliava. Con quei toni forti e vibranti, quelle esplosioni magmatiche, quell’energia che ne attraversava le tele.

Che aveva espresso anche e già nel 1968, partecipando al capolavoro di David Alfaro Siqueiros La marcia dell’umanità e nella famosa locandina del film-cult 2001 odissea nello spazio, commissionatagli da  Stanley Kubrik  in persona.

Perciò, l’iniziativa intima e fortemente evocativa, come non avrebbe potuto essere altrimenti, al Red Factory di Roma, di qualche giorno fa, ha preso il via proprio dalle dieci opere lì esposte, tutte dell’ultima produzione 2015/2016 e solo una del 1976. Un regalo al figlio amatissimo, Mauro, di quando andò a vivere da solo.

Così, partendo dal segno, l’evento commemorativo lo ha ricordato anche in relazione al suo quartiere di nascita, la sua Garbatella.

Tanti gli aneddoti che hanno preso vita, dal bombardamento della stazione Ostiense con le derrate alimentari con lui che andò a prendere pane e formaggi e aveva solo 10 anni, rischiando anche la gita e caricandosi più di quanto poteva.

Oppure del collettore dove ha imparato a nuotare perché per loro il mare era un altro mondo. Ostia era troppo lontana. Oppure la battaglia con quelli di Tor Marancia che erano chiamati shangaini perché la zona era paludosa. Insomma: la sua appartenenza al quartiere, il suo desiderio di esporre opere alla Garbatella e la sua voglia di vivere pienamente ogni giorno.

L’evento, raccolto e sul piano emotivo particolarmente intenso,  è stato arricchito dalla partecipazione dell’attore Marco di Stefano che ha declamato alcune poesie di Mauro Conciatori e ha cantato dei brani di Domenico Modugno, che il maestro amava particolarmente e di cui era amico.

Pier Luigi Manieri

Pier Luigi Manieri

Pier Luigi Manieri, curatore di eventi, scrittore, saggista e cultore della materia cinematografica. Ha dato alle stampe l'antologia di racconti spy, horror, sci fi, urban fantasy e a tematica supereroistica "Roma Special effects -di vampiri mutanti supereroi e altre storie" (PS ed.) e la monografia "La Regia di Frontiera di John Carpenter "( Elara). D'imminente pubblicazione il saggio "Le Guerre Stellari - Ovvero, la space opera cine televisiva da Lucas ad oggi" contenuta nel volume "Effetti Collaterali – la fantascienza tra letteratura, cinema e TV" (Elara). Ha all'attivo centinaia di articoli su diverse testate di settore. Esperto d'immaginario e sottoculture di genere, ha curato il volume, "Il Tuo capitolo finale" dedicato a Sherlock Holmes. È autore e regista dei reading video musicali “Iconico & Fantastico” e "Il cinema del telfoni bianchi". Ha ideato e curato eventi come Urania: stregati dalla Luna, Il cinema italiano al tempo della Dolce Vita, Effetti Speciali, MassArt, Radar-esploratori dell’immaginario.

Commenta

clicca qui per inviare un commento