Massimo e Sonia Cirulli, la nuova Fondazione ad Arte e il Futurismo

Arriva una nuova fondazione privata italiana nel mondo dell’Arte: è quella dei coniugi Massimo e Sonia Cirulli che, con la mostra Universo Futurista, a cura di Jeffrey T. Schnapp e Silvia Evangelisti, dal 21 aprile al 18 novembre 2018, aprono vicino Bologna, in quello che fu l’atelier del designer Dino Gavina (progettato da Achille e Pier Giacomo Castiglioni alla fine degli anni ’60), a San Lazzaro di Savena (Bologna).
La struttura, oggi acquistata dalla stessa Fondazione, ospita un archivio storico di alcune migliaia di pezzi eterogenei (dalle arti, al design, alla fotografia, alla grafica, al tempo libero, ai documenti) raccolti con passione dai Signori Cirulli a partire dagli anni ’80, a New York e connessi alla cultura italiana, non solo visiva, del XX secolo.

La mostra ne è un segno importante, con le sue circa 200 opere tra quadri, disegni, arazzi e arti applicate, design, documenti e manifesti, che permettono di ripercorre la storia di uno dei massimi movimenti dell’arte d’avanguardia e lo spirito di quell’epoca rivoluzionaria e tanto densa di eccezionali fermenti per la cultura italiana.

Tra le opere: Disgregazione x velocità (1913) di Giacomo Balla, una tela che si dava per perduta dopo l’esposizione universale di San Francisco del 1915, ma che è stata ritrovata proprio alcuni fa a New York e che oggi appartiene alla collezione.

Info

Comunicazione e Relazioni Esterne: Sara Zolla press@sarazolla.it

Fondazione Massimo e Sonia Cirulli

Via Emilia 275, 40068 S. Lazzaro di Savena, Bologna
T +39 051 628 8300, fondazionecirulli.org

Luca Barberini Boffi

Luca Barberini Boffi

Luca Barberini Boffi, ex imprenditore nel mondo della carta stampata.
Esperto di comunicazione e di arti visive, vive tra Milano, Roma e Strasburgo, dove risiede. Organizza convegni internazionali su Beni Culturali e collezionismo, scrive su testate di settore. Viaggia molto all’estero per lavoro e per passione. Collabora saltuariamente come consulente artistico nel Maine, U.S.A.

Commenta

clicca qui per inviare un commento