Prabèrians. La Fotografia di Thomas Rousset

Il circondario di Grenoble deve essere un posto strano. Una leggenda narra che da quelle parti, negli anni ’50, un bambino affetto da gigantismo, che per questo non entrava nel pullman della scuola, si facesse accompagnare ogni mattina in macchina da Samuel Beckett, suo vicino di casa. Pare che nel tragitto discutessero di cricket.

L’opera del giovane fotografo Thomas Rousset (Grenoble 1984), vissuto a Prabert , un piccolo villaggio vicino al capoluogo del dipartimento francese dell’Isère, immerso tra montagne e boschi, è confluita in maniera quasi mistica alla Scala Santa a Roma, nello spazio Sala 1, centro culturale diretto dalla curatrice americana  Mary Angela Schroth.

Rousset ha immortalato i luoghi della sua infanzia nelle fotografie presentate nello spazio situato nel Complesso Pontificio vicino alla basilica di S. Giovanni, in una mostra dal titolo Prabèrians curata da Manuela De Leonardis in occasione del Festival Internazionale di Fotografia. Le foto, prive di interventi postumi dell’artista, mostrano degli ambienti che l’autore ha predisposto come dei set cinematografici, con ironia e con una ricerca antropologica tipicamente francese.  Gli oggetti mostrati sono propri del quotidiano dell’artista, del suo vissuto, ma anche della società che in quei luoghi abita. L’idea di “comunità” è alla base di questo lavoro, anche se la figura umana non ne è protagonista, se ne percepiscono i lasciti, le intenzioni, una sorta di tocco magico.

“L’idea è quella di creare una comunità in cui tempo e spazio si confondano, allargando un orizzonte che non è soltanto quello personale dell’autore” scrive infatti la curatrice della mostra.

Rousset si ispira molto al cinema (Kusturica, Jodorowsky e altri) e sceglie di inserire le foto all’interno di cornici colorate per suggerire ancora l’idea di gioco e di infanzia. C’è ironia anche negli oggetti ritratti, nel loro posizionarli e farli interagire con degli animali,  mettendo il dubbio nello spettatore sul senso delle cose e su chi vuole, per sua natura, trovarlo a tutti i costi.

Info mostra

  • Thomas Rousset | Prabèrians
  • a cura di Manuela De Leonardis
  • Sala 1 Centro internazionale d’Arte Contemporanea
  • P.zza di Port San Giovanni 10 Roma
  • 9 ottobre- 19 novembre 2015
  • www.salauno.com
  • Per le immagini si ringrazia Sala 1
Donato Di Pelino

Donato Di Pelino

Donato Di Pelino è nato a Roma nel 1987. E’ laureato in Giurisprudenza con una tesi sul contratto nelle arti visive, in particolare quello stipulato tra artista e gallerista. E’ redattore di artapartofculture dal 2009 e per il webmagazine ha scritto di arte privilegiando, in particolare, l’intervista in forma di conversazione e scambio con gli artisti. Si occupa anche di poesia e di musica.

Commenta

clicca qui per inviare un commento