IndipendenteMente #56. Correggio, venti dal passato di Marco Sessi. La nuova indagine del maresciallo Grazioso

“Grazioso seduto sul letto guarda afflitto la valigia aperta. Scuote la testa e pensa che la svuoterà più tardi. Dentro aveva cercato di riporre i ricordi che si erano disseminati come i cocci di un bicchiere frantumato, ma continuano a graffiargli il cuore, inesorabilmente”.
Il maresciallo dei carabinieri Marco Grazioso, protagonista del giallo di Marco Sessi Correggio, venti dal passato (WritersEditor) è tornato nel suo paese natale, che è anche quello dell’Autore, per risolvere l’assassinio di Michele Franzosi, soprannominato Acquasanta, un ex partigiano, trovato cadavere nel suo appartamento e che in punto di morte ha lasciato un misterioso messaggio.

Le indagini condotte con l’aiuto dei suoi sottoposti, tra cui il giovane appuntato Renzi, conducono il carabiniere a ripercorrere tanti luoghi della cittadina legati al suo tragico amore giovanile, che fanno riemergere un passato che il suo lungo soggiorno a Bologna non è mai riuscito a cancellare.

Qui aleggia il fantasma della sua amatissima fidanzata, che lo porta a riconoscerne i tratti in una donna del luogo, Gabriella. Ma i cittadini di Correggio, antica e tranquilla cittadina della provincia di Reggio Emilia, nota per le sue tradizioni culinarie e per la sua industria agroalimentare, oltre a un delitto senza apparente movente si troveranno alle prese con le gesta assurde di un maniaco che trafigge con le frecce del suo arco sportivo i pupazzi simboli del Natale.

immagine per Marco Sessi. Correggio, venti dal passatoIl Maresciallo si trova così ad inseguire passato e presente ed a fronteggiare un nuovo delitto, in cerca di indizi e collegamenti e interrogando i vecchi amici del partigiano, restii a fidarsi delle autorità e che, nonostante la guerra sia ormai un ricordo, non sono mai riusciti a dimenticare le tragiche vicende che li hanno segnati profondamente.

Marco Sessi, impiegato che di notte si dedica alla scrittura, la sua vera vocazione, con questa nuova avventura del suo maresciallo (già comparso nel romanzo “Buon Natale, Correggio“) tenta il grande salto, con l’intento di ritagliarsi un posto stabile nel novero dei giallisti italiani.

D’altronde non è certo uno scrittore esordiente visto che già pubblicato cinque romanzi e vari racconti che hanno ottenuto riconoscimenti tra cui il primo premio del 41esimo Concorso Nazionale di Poesia e Narrativa Città di Fucecchio (Firenze).

In questo romanzo dimostra la sua maturità di scrittore con una trama che funziona e uno svolgimento accurato e ben scritto che sa bene mescolare la tensione narrativa dei fatti che si susseguono rapidi e incalzanti a riflessioni che traspaiono senza invadenza dalle pagine soffuse di tanta umanità, la stessa che caratterizza il suo maresciallo, uomo stanco e provato, ma tutto d’un pezzo e pronto a mettere in campo la sua esperienza in nome della verità.

In attesa del grande salto, che ovviamente auspichiamo, attendiamo la terza avventura di Graziosi, che pare sia già pronta.

Isabella Molonia

Isabella Molonia

Isabella Molonia, è una giornalista pubblicista siciliana, ha una laurea triennale in Scienze della Comunicazione e un biennio specialistico in Metodi e linguaggi del giornalismo. In questi anni ha inoltre collaborato con diverse realtà editoriali locali. Attualmente collabora con il gruppo editoriale Citynews. Alla formazione universitaria ha associato quella musicale conseguendo una laurea triennale in Canto Jazz presso il Conservatorio A. Corelli e una laurea specialistica in Discipline musicali indirizzo Interpretativo-Compositivo Jazz.

commenta

clicca qui per inviare un commento