IndipendenteMente #58. Di cenere e di carne di Laura Vegliamore. Anime legate dal destino

Thomas è un ragazzo dei giorni nostri che vive con la sua famiglia in Francia ma fin da bambino soffre di strani disturbi che non gli consentono di vivere una vita normale e gli causano forti disagi. “Come farò a riconoscerti, quando il mondo sarà finito?”, parole che riaffiorano con insistenza nella sua mente insieme ad immagini confuse e strane sensazioni, tra cui un forte odore di carne di bruciata.

Attacchi di panico continui, incubi notturni e frasi in italiano che fuoriescono dalla sua bocca senza controllo. Dopo anni di sofferenze e di solitudine Thomas decide, quindi, di allontanarsi dalla famiglia e di fare un viaggio in Italia dove conoscerà Anouk, una ragazza di origine olandese, con la quale fin da subito sentirà un forte legame.

immagine per Di cenere e di carne di Laura VegliamoreLucrezia, invece, è una giovane la cui storia si svolge in un’epoca passata, non ben definita. Ragazza timida ed ingenua, cresciuta in convento, viene convocata da un’eccentrica ed austera contessa di nome Cecilia presso la sua dimora, un immenso e cupo palazzo, per farle da dama di compagnia con la particolare mansione di leggerle libri ad alta voce dato il suo spiccato talento di far vivere le parole e rendere quasi tangibili i fatti narrati.

Sarà proprio all’interno di questo palazzo che Lucrezia, grazie al ritrovamento di un biglietto d’amore tra le pagine di un vecchio libro, scoprirà un grande segreto ed incontrerà un uomo che, a causa di una grande macchia di sangue che gli deturpa il volto, fin da bambino, si porta dietro l’accusa di essere figlio del diavolo.

Infamia ulteriormente avvalorata in quanto è anche un assassino. L’uomo si chiama Elias e tra i due nascerà un amore che trascenderà il tempo. Due storie parallele ed apparentemente senza punti in comune quelle di Thomas e Lucrezia, ma realtà legate da un filo narrativo ben chiaro che solo alla fine del romanzo diventerà evidente.

Di cenere di carne di Laura Vegliamore (Words Edizioni) è un paranormal romance a tinte storiche continuamente sospeso tra passato e presente che trasporta il lettore in una straordinaria atmosfera gotica, a tratti quasi onirica.

La scrittura ricercata e sensuale permette al lettore di calarsi totalmente nella storia quasi riuscisse a percepirla, oltre che attraverso le parole, anche con i cinque sensi.

Sembra quasi di sentire l’odore dei libri sfogliati da Lucrezia, o di udire le voci degli ospiti che danzano ai sontuosi balli in maschera organizzati dalla signora Cecilia, come sembra di vedere con i propri occhi le stanze dell’immenso palazzo, tanto sono ben descritte.

Un romanzo che pone al centro di tutto il vero amore, quell’amore totalizzante indescrivibile a parole che, trascendendo spazio e tempo, si rinnova nel cuore di due anime legate dal destino.

Isabella Molonia

Isabella Molonia

Isabella Molonia, è una giornalista pubblicista siciliana, ha una laurea triennale in Scienze della Comunicazione e un biennio specialistico in Metodi e linguaggi del giornalismo. In questi anni ha inoltre collaborato con diverse realtà editoriali locali. Attualmente collabora con il gruppo editoriale Citynews. Alla formazione universitaria ha associato quella musicale conseguendo una laurea triennale in Canto Jazz presso il Conservatorio A. Corelli e una laurea specialistica in Discipline musicali indirizzo Interpretativo-Compositivo Jazz.

commenta

clicca qui per inviare un commento