Turando’ (T), la “musica nuda” di Magoni e Spinetti in streaming dal Teatro Superga di Nichelino

Il Teatro Superga di Nichelino, in risposta alla chiusura dei teatri al pubblico imposta dall’ultimo DPCM, lancia la programmazione in streaming con il format “Nel Salotto con”, un modo per vivere la cultura in un periodo sospeso senza tenere spoglio il palcoscenico.

I Musica Nuda, duo composto dalla voce di Petra Magoni e Ferruccio Spinetti al contrabbasso, sono stati protagonisti dell’appuntamento del 6 dicembre con Turandò, celeberrima Turandot nella versione d’opera di Puccini, rivestita di nuovi abiti e nuovi suoni.

Nel corso degli anni, Ferruccio e Petra hanno portato il loro progetto in giro per il mondo, riuscendo a raggiungere anche spazi prestigiosi tra cui l’Olympia di Parigi, l’Hermitage di San Pietroburgo.

foto di Angelo Trani

 

Il nostro spettacolo a Nichelino è un segno di resistenza, fermo restando che spero di poter tornare presto a un concerto “vero”, con la presenza del pubblico, nel rispetto delle norme”.

Ci sono favole in cui le principesse non ne vogliono sapere di sposarsi, come quella di Turandot, colei che costretta dal padre, l’imperatore, accetta di sposarsi a una sola condizione: il pretendente per poter avere la sua mano dovrà risolvere tre difficili indovinelli. E per coloro che falliranno nell’impresa c’è la decapitazione.

Questa storia comincia con una testa che rotola. Un coro chiede: si può essere crudeli al punto di uccidere chi ha fallito in un’impresa d’amore? Un altro coro risponde: non è crudele uccidere chi è così stupido da mettere in palio la propria vita per una donna che ha visto solo in foto.

Sul palco la presenza di Marta Della Via regista e autrice del testo che proietta la storia di Turandot nella Cina contemporanea.  Gli artisti, ai quali per la prima volta sono affidati anche ruoli di recitazione, offrono orizzonti musicali vasti, tra composizioni inedite e rielaborazioni spericolate, compresa una Nessun dorma, cavallo di battaglia della Turandot pucciniana, tutta da gustare in versione voce & contrabbasso. 

Chi è oggi Turandot? L’etimo della parola Principessa, chi occupa il primo posto, pone interrogativi. Il primo posto di cosa? Nella cronaca rosa? Nella politica? Nel cuore dei sudditi? Come le teste degli sfortunati pretendenti la T finale del titolo cade. Un accento prende il suo posto per sottolineare la matrice popolare e impertinente di questo spettacolo.

Paola Belluscio

Paola Belluscio

Si laurea in Scienze della Comunicazione con indirizzo impresa e marketing nel novembre del 1998 presso l'Università La Sapienza di Roma; matura circa dodici anni di esperienza presso agenzie internazionali di advertising del Gruppo WPP - Young&Rubicam, Bates Italia, J.Walter Thompson - nel ruolo di Account dove gestisce campagne pubblicitarie per conto di clienti tra cui Pfizer, Johnson&Johnson, Europcar, Alitalia, Rai, Amnesty International e Ail. Dal 2010 è dipendente di Roma Capitale e attualmente presta servizio presso l'Ufficio di di Presidenza del Municipio Roma XIV dove si occupa di comunicazione istituzionale, attività redazionale sui canali social del Municipio e piani di comunicazione. Ama viaggiare e leggere.

Commenta

clicca qui per inviare un commento