Intervista a Massimo Simonini. Rassegna #arivederlestelle, viaggio teatrale e musicale tra la Divina Commedia e il mondo moderno

Il 7 febbraio si è svolto il primo dei cinque eventi di “A riveder le stelle”, la rassegna in diretta streaming dedicata alla musica e al teatro, con concerti, spettacoli e performance, che prosegue fino al prossimo 26 febbraio, ideata e realizzata dall’“Associazione Culturale Sperimentiamo Arte Musica Teatro” con la direzione artistica dello scrittore Massimo Simonini che abbiamo incontrato per raccogliere le sue riflessioni su questo progetto culturale di alto valore artistico a partire proprio dal titolo che è stato dato alla rassegna.

immagine per intervista a Massimo Simonini

Quando con “Sperimentiamo Arte Musica Teatro” abbiamo costruito questa rassegna eravamo consapevoli del fatto che non potevamo prescindere dal periodo storico che stiamo attraversando. Questa emergenza sanitaria ci ha cambiato nelle abitudini e purtroppo ha intaccato anche le nostre certezze sul futuro. Ecco perché nasce “A riveder le stelle”, citando il XXXIV Canto dell’Inferno dantesco, che già nel titolo vuole essere un inno all’ottimismo, ad “uscire fuori” non solo fisicamente, ma anche moralmente.

Con quale obiettivo è nato questo reading dedicato al Sommo Poeta? 

La nostra Associazione promuove cultura e intrattenimento artistico da oltre dieci anni, perciò non poteva esserci punto di riferimento più alto per perseguire questo obiettivo che Dante Alighieri nella ricorrenza dei 700 anni dalla sua morte.

Per questo il Sommo Poeta apre la rassegna con un reading musicale e teatrale a lui dedicato, realizzato e diretto da Mariagabriella Chinèe con Margherita Patti, Daniela Conti, Livia Di Girolamo, Simone Rocchi e Danilo Tedesco.

Perché questo anniversario ci ricordi la potenza immaginifica della nostra letteratura e che, oltre all’Inferno, c’è sempre un Paradiso al quale anelare.

La sua performance è una sorta di viaggio a tappe che attraversa il concetto di bellezza in termini morali, artistici, spirituali e naturalistici in chiave dantesca.

Andare a teatro in forma virtuale non può sostituire la condivisione fisica di uno spazio reale, questo lo sappiamo.

Eppure con questa rassegna vogliamo ribadire che il distanziamento fisico non potrà mai essere un distanziamento sociale e né culturale. L’arte può elevarci, può aprirci la mente e farci progredire come uomini e donne.

Ce lo dice Dante, nella sua celebre chiusura della Divina Commedia, che l’Amore “move il sole e le l’altre stelle”: è con questa consapevolezza che vogliamo invitare i nostri spettatori a lasciarsi guidare dalle parole e dalla musica, perché è questa la bellezza che salverà il mondo.

Il suo reading accoglie la sperimentazione tra linguaggi artistici con la contaminazione positiva tra teatro e musica.

In questa piccola avventura ho avuto la fortuna, come Direttore Artistico, di poter mettere insieme un gruppo di artisti straordinari con l’intento di offrire un programma il più eterogeneo possibile in termini di contenuti e di pubblico.

L’unione di più linguaggi artistici è anche il motivo che ha convinto la Regione Lazio a credere in questo progetto.

Il pubblico avrà così la possibilità di viaggiare in tutto il mondo, grazie a sonorità e atmosfere molto variegate: dopo Dante si passa alla musica folk delle BlaBla Sisters & Band, poi a una dolcissima storia di Andersen, Il guardiano dei porci, a cura della Capra Ballerina Puppet Theatre, per i più piccoli.

Il viaggio prosegue in un interessante connubio tra il tango di Astor Piazzolla e il jazz di Claude Bolling grazie ai Maestri Monica Tenev e Paolo Bernardi, e si conclude infine con la “musica classica del nostro secolo”, le colonne sonore cinematografiche, eseguite dall’Orchestra Sinfonica Supernova diretta dal Maestro Andrea Montepaone, con il quale vogliamo anche omaggiare particolarmente il Maestro Ennio Morricone.

Paola Belluscio

Paola Belluscio

Si laurea in Scienze della Comunicazione con indirizzo impresa e marketing nel novembre del 1998 presso l'Università La Sapienza di Roma; matura circa dodici anni di esperienza presso agenzie internazionali di advertising del Gruppo WPP - Young&Rubicam, Bates Italia, J.Walter Thompson - nel ruolo di Account dove gestisce campagne pubblicitarie per conto di clienti tra cui Pfizer, Johnson&Johnson, Europcar, Alitalia, Rai, Amnesty International e Ail. Dal 2010 è dipendente di Roma Capitale e attualmente presta servizio presso l'Ufficio di di Presidenza del Municipio Roma XIV dove si occupa di comunicazione istituzionale, attività redazionale sui canali social del Municipio e piani di comunicazione. Ama viaggiare e leggere.

commenta

clicca qui per inviare un commento