Letteratura inaspettata #17. Stati d’animo di Beniamino Sidoti

immagine per Stati d'animo di Beniamino Sidoti
Stati d’animo di Beniamino Sidoti, Cover

Raccontare gli Stati d’Animo come fossero paesi posti sulla carta geografica della vita, della memoria, della crescita degli esseri umani fa parte delle narrazioni miracolose che, spesso, ci vengono incontro dalle pagine dei libri inaspettati.

La mappa l’ha tracciata Beniamino Sidoti autore, soprattutto, di libri per ragazzi e sui ragazzi che, anche impegnandosi a raccontare di sentimenti, non perde la sua capacità di guardare con occhi liberi.

Stati d’Animo, edito dalla necessaria casa editrice Rrose Selavy e illustrato con i collage di Paolo Rinaldi, che ci offre continui confronti con immaginario e limpidezza, è la raccolta di 25 “cartoline” dai nomi di sentimenti ed emozioni come Silenzio, Fantasia, Malinconia, Passione, Purificazione, Rabbia, Invidia, Generosità, Paura, Libertà… che possono essere letti uno dopo l’altro oppure incrociandoli secondo un’ipotetica griglia di accostamenti e similitudini.

Leggendo l’intreccio a volte surreale, a volte stupito, sempre pronto a lasciare al lettore nuove possibilità di immaginare altri sviluppi e altre conclusioni, è facile tornino in mente Le Città Invisibili di Italo Calvino, incipit che riportano a Diomira, Tecla, Ottavia, Despina… eppure, a differenza delle magiche città di Calvino che portavano dal dentro al fuori, dall’intimità alla collettività le carte sentimentali di Sidoti portano  dal fuori al dentro. Dal mondo all’anima.

Sempre intimamente connesse con il sogno, la fantasia e il desiderio.

Isabella Moroni

Isabella Moroni

Giornalista culturale e autrice di testi ed adattamenti, si dedica da sempre alla ricerca di scritture, viaggi, tradizioni e memorie. Per dieci anni direttore responsabile del mensile "Carcere e Comunità" e co-fondatrice di "SOS Razzismo Italia", nel 1990 fonda l’Associazione Teatrale "The Way to the Indies Argillateatri". Collabora con diverse testate e si occupa di progetti non profit, educativi, teatrali, editoriali, letterari, giornalistici e web.

Commenta

clicca qui per inviare un commento