Amate Signorine Buonasera, Annunciatrici RAI, dominano Youtube con video musicale

Una positiva notizia  quella che riguarda la produzione indipendente P&G Management, che ha portato a casa, in questo periodo, un trionfo musicale e virale; infatti, in sole 4 settimane, Buonasera Buonasera, brano musicale vintage riveduto e corretto con garbo e piacevolezza, omaggio diretto di due giovani promesse della musica leggera italiana – il livornese Manuel Aspidi e la romana Sara Galimberti – alle annunciatrici Rai di un tempo che fu, ha superato le 162 mila visualizzazioni su Youtube (con una curiosa percentuale più alta di pubblico femminile equamente diviso tra Nord Italia – Milano-, Centro – Roma – e Sud, con Napoli e Palermo), entrando nell’algoritmo dei Video suggeriti. Il brano, un pezzo fresco e allegro, adattissimo anche per l’estate – è entrato in classifica direttamente all’ottantesimo posto, superando addirittura il nuovo singolo di Renato Zero, risultando essere anche tra i più scaricati illegalmente, con una media di 2000 Download al giorno.

Tale successo conferma, ancora una volta, quanto gli italiani siano attratti da un certo passato e amino le figure storiche delle Signorine Buonasera che, nel caso della canzone in questione, sono Maria Giovanna Elmi e Rosanna Vaudetti, amiche e colleghe indivisibili, che per l’occasione duettano con i due cantanti.

Buonasera Buonasera è una cover elettro swing, musica contemporanea che rilegge lo swing, un genere gioioso sbocciato come risposta alla Grande Depressione del  1929, innescatasi dal crollo della Borsa di Wall Street a New York; l’attuale rivisitazione, realizzata dal musicista Fabrizio Fratepietro, è, per la cronaca, l’unica autorizzata dalla Universal Music Publishing Ricordi, detentrice dei diritti dell’orecchiabile brano originale con la musica di F. Pisano e il testo del mitoco duo Amurri e Verde.

Ci dicono dalla produzione, con una punta di orgoglio e con una visione ottimistica che, a dire il vero, giudichiamo sin troppo incantata, ma che apprezziamo:

“…se ovunque si parla dell’imperante maleducazione e cattivo gusto, alimentato  dai media, ammettiamolo:  sapere che l’eleganza ed il sano divertimento di un singolo sempreverde come Buonasera Buonasera abbia conquistato fin dal primo ascolto proseliti e fan, ci conforta su quanto di bello questo Paese potrà ancora fare ed ottenere.”

Il Video è prodotto dalla P&G Management insieme alla Cinemart.

Aggiungiamo che evidentemente l’attrazione per una certa Tv, per un particolare pezzo della storia del nostro Paese che è passato per il Costume e la RAI, è stata registrata anche dall’Arte: da Francesco Vezzoli con il suo efficace, geniale progetto, TV 70: Francesco Vezzoli guarda la Rai – www.fondazioneprada.org/project/tv-70-francesco-vezzoli-guarda-la-rai – che  lo stesso artista indica come una “indagine vera sul costume contemporaneo e sulle sue radici, ma con un senso critico sull’oggi” che molto ha derivato dalla Televisione più storica (nel suo caso degli anni Settanta), che “produceva riti e, di conseguenza, miti assoluti e duraturi che ancora oggi, riproposti in questa mostra, possono ispirare scelte non convenzionali”.

 Info
  • P&G Management – Agenzia di Spettacolo, Cinema, Teatro, Tv e Servizi Periodici, Format TV, Eventi, Serate, Autori, Registi
  • Via della Casetta Mattei 18 00148 Roma / Viale Spagna 46 00040 Pomezia
  • Tel. Ufficio 0691531041
  • Rappresentanza Artisti www.pgscarl.it
  • Ufficio Stampa e Fotografici www.dannys.it
  • Link Personale http://www.pgscarl.it/walter_ garibaldi.html

 

Barbara Martusciello

Barbara Martusciello

Barbara Martusciello è Storico e Critico d’arte, curatore di mostre, organizzatrice di eventi culturali e docente. Ha collaborato con riviste di settore, con i quotidiani "Paese Sera", "Liberazione", il settimanale "Liberazione della Domenica", più saltuariamente con altri quotidiani ("Il Manifesto", "Gli Altri") e periodici ("Time Out" - Italia"); è stata parte attiva nel progetto che ha dato vita, a metà anni '90, della prima rivista via fax di Arte ("Artel") e di Architettura ("Architel") e scrive regolarmente di Arti visive e cultura. Ha avuto la direzione artistica di spazi privati e gallerie; ha curato centinaia di cataloghi e di mostre in spazi pubblici e privati, attività che svolge tutt’ora. Docente di Storia dell’Arte e di Storia della Fotografia in diversi Istituti Superiori, è stata titolare di moduli didattici di Storia delle Arti Visive (Scuola Romana di Fotografia; Istituto Superiore di Fotografia e Comuniczione Integrata; Università del Design Istituto Quasar; etc.). E' stata ed è divulgatrice anche attraverso Master (Istituto Europo del Designa; Università Europea), Giornate di Studio (Università di Roma La Sapienza; Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma) e convegni, seminari, workshop, conversazioni. Tra questi: per Zetema Progetto Cultura con Roma Capitale nell’ambito di Racconti di Storia dell'Arte; per il FAI nell’ambito di Visti da Vicino; per la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma nell'ambito di L'artista, L'Opera, Il Museo; per Roma Design Lab (Creatività e Rigenerazione urbana: scenari nazionali e internazionali, casi di studio - Riconoscimento 3 C. F. dall'Ordine degli Architetti di Roma). Ha scritto alcuni libri e suoi saggi sono nei più recenti volumi "Le grandi pittrici nei secoli d’oro dell’arte – Un affascinante viaggio attraverso tre secoli di pittura al femminile" Keidos, Roma, 2018; "Guerra e Architettura" di Lebbeus Wood e "Ricostruire la moda italiana" di Nicola White (entrambi di Deleyva edit.); suoi testi critici aprono i libri fotografici "Sogni d'Acqua. Lungo il Mekong", Electa-Mondadori ediz., 2014 e “Finding Homer”, PostCart 2015. Ha ideato e curato la prima edizione del Concorso e della Residenza fotografica in Murgia nell'ambito di MurgiAMO (2014) e ha collaborato con Roma Design Lab 2014, piattaforma tra istituzioni e privati dedicata al Design, all'Architettura, alla Creatività e alla rigenerazione urbana: per entrambe, art a part of cult(ure) è stata Mediapartner. Ha collaborato e collabora con vari webmagazine e piattaforme culturali (MyWhere; Rotarian Gourmet; Roma on the Road), cura attività didattiche e culturali all’interno di artapartEvents. Membro della Commissione DIVAG-Divulgazione e Valorizzazione Arte Giovane per conto della Soprintendenza Speciale PSAE e Polo Museale Romano, ora in rimodulazione, ha avuto incarico nel MUSAP-Museo e Fondazione Arazzeria di Penne (Pescara) per cui ha seguito l'area dell'Arte Visiva Contemporanea e ha curato mostre tra cui "Arazzeria Pennese-La contemporaneità del basso liccio", con importanti artisti contemporanei, MACRO, Roma, 2017. Responsabile del settore Arti Visive allo spazio polifunzionale e StartUp Howtan Space Roma per il quale cura serie di mostre fotografiche, ha recentemente curato una prima mostra con cui ha inaugurato per la prima volta in assoluto la sala espositiva della magnifica Stazione FI Napoli Afragola di Zaha Hadid.
E' Cofondatrice e Editor-in-Chief del webmagazine "artapartofcult(ure)"

Commenta

clicca qui per inviare un commento