Diventare mecenati sostenendo l’acquisto di un capolavoro di Bernini con l’Art Bonus si può

Gian Lorenzo Bernini, Busto in bronzo di Urbano VIII Barberini,1658

Ci sono atti da sollecitare e da compiere che non possono non essere condivisi e illuminati. Sono occasioni virtuose che impongono atti di responsabilità e di pubblico intervento. E’ questo il caso di un’occasione costruita ad hoc per arricchire la collezione permanente del museo diretto da Anna Coliva, quella straordinaria Galleria Borghese di Roma, grande, preziosissimo scrigno di capolavori di  artisti quali Caravaggo, Raffaello, Bernini, Canova, Tiziano, Rubens, Bellini, Bronzino, Perugino, Lotto, solo per citarne alcuni, e luogo d’arte tra i più noti e frequentati dal pubblico italiano e internazionale. L’opportunità, irripetibile, nata su spinta dei fondi dell’Art Bonus, è quella di trovare mecenati per donazioni che concorreranno all’acquisto di un’importante opera di Gian Lorenzo Bernini, il Busto in bronzo di Urbano VIII Barberini, eseguito nel 1658 per il cardinale Antonio Barberini e attualmente di proprietà dei discendenti. Per non perdere questa scultura, serve un aiuto cospiquo di tutti, società civile e grandi investitori.

Il personaggio raffigurato dalla scultura è Urbano VIII è – come confermano dalla galleria – “figura strettamente connessa alle vicende della collezione di Scipione Borghese della quale fu il teorico ispiratore, così come fu l’ideatore e il commentatore dei temi rappresentati da Gian Lorenzo Bernini nelle monumentali sculture che l’artista realizzò giovanissimo per la Villa Borghese, dove ancora si trovano.”.

L’opera è pertanto emblematica perché “legata strettamente al luogo che attende di ospitarla” e necessaria per la Galleria: infatti, oltre che per il suo enorme valore storico artistico, per l’importanza del suo autore e del personaggio ivi rappresentato, l’acquisizione del busto di Urbano VIII “colmerebbe la lacuna, per la Galleria Borghese, di non possedere un ritratto del Barberini assieme a quelli degli altri illustri protagonisti della corte borghesiana”.

La cifra che si vuole raccogliere attraverso il fundraising è di 8 milioni di euro. E’ imperativo non vedere sfumato tale traguardo per aggiudicarsi un bene artistico e culturale che deve restare visibile al pubblico, in Italia, a Roma e alla Galleria Borghese. Ovviamente, all’opera verrà riservato un posto di massimo rilievo all’interno della collezione e ad essa sarà affiancato l’elenco dei donatori che potranno, così, palesarsi come generosi, colti e lungimiranti restando, ça va sans dire, nella storia: non solo del Museo.

Barbara Martusciello

Barbara Martusciello

Barbara Martusciello è Storico e Critico d’arte, curatore di mostre, organizzatrice di eventi culturali e docente. Ha collaborato con riviste di settore, con i quotidiani "Paese Sera", "Liberazione", il settimanale "Liberazione della Domenica", più saltuariamente con altri quotidiani ("Il Manifesto", "Gli Altri") e periodici ("Time Out" - Italia"); è stata parte attiva nel progetto che ha dato vita, a metà anni '90, della prima rivista via fax di Arte ("Artel") e di Architettura ("Architel") e scrive regolarmente di Arti visive e cultura. Ha avuto la direzione artistica di spazi privati e gallerie; ha curato centinaia di cataloghi e di mostre in spazi pubblici e privati, attività che svolge tutt’ora. Docente di Storia dell’Arte e di Storia della Fotografia in diversi Istituti Superiori, è stata titolare di moduli didattici di Storia delle Arti Visive (Scuola Romana di Fotografia; Istituto Superiore di Fotografia e Comuniczione Integrata; Università del Design Istituto Quasar; etc.). E' stata ed è divulgatrice anche attraverso Master (Istituto Europo del Designa; Università Europea), Giornate di Studio (Università di Roma La Sapienza; Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma) e convegni, seminari, workshop, conversazioni. Tra questi: per Zetema Progetto Cultura con Roma Capitale nell’ambito di Racconti di Storia dell'Arte; per il FAI nell’ambito di Visti da Vicino; per la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma nell'ambito di L'artista, L'Opera, Il Museo; per Roma Design Lab (Creatività e Rigenerazione urbana: scenari nazionali e internazionali, casi di studio - Riconoscimento 3 C. F. dall'Ordine degli Architetti di Roma). Ha scritto alcuni libri e suoi saggi sono nei più recenti volumi "Le grandi pittrici nei secoli d’oro dell’arte – Un affascinante viaggio attraverso tre secoli di pittura al femminile" Keidos, Roma, 2018; "Guerra e Architettura" di Lebbeus Wood e "Ricostruire la moda italiana" di Nicola White (entrambi di Deleyva edit.); suoi testi critici aprono i libri fotografici "Sogni d'Acqua. Lungo il Mekong", Electa-Mondadori ediz., 2014 e “Finding Homer”, PostCart 2015. Ha ideato e curato la prima edizione del Concorso e della Residenza fotografica in Murgia nell'ambito di MurgiAMO (2014) e ha collaborato con Roma Design Lab 2014, piattaforma tra istituzioni e privati dedicata al Design, all'Architettura, alla Creatività e alla rigenerazione urbana: per entrambe, art a part of cult(ure) è stata Mediapartner. Ha collaborato e collabora con vari webmagazine e piattaforme culturali (MyWhere; Rotarian Gourmet; Roma on the Road), cura attività didattiche e culturali all’interno di artapartEvents. Membro della Commissione DIVAG-Divulgazione e Valorizzazione Arte Giovane per conto della Soprintendenza Speciale PSAE e Polo Museale Romano, ora in rimodulazione, ha avuto incarico nel MUSAP-Museo e Fondazione Arazzeria di Penne (Pescara) per cui ha seguito l'area dell'Arte Visiva Contemporanea e ha curato mostre tra cui "Arazzeria Pennese-La contemporaneità del basso liccio", con importanti artisti contemporanei, MACRO, Roma, 2017. Responsabile del settore Arti Visive allo spazio polifunzionale e StartUp Howtan Space Roma per il quale cura serie di mostre fotografiche, ha recentemente curato una prima mostra con cui ha inaugurato per la prima volta in assoluto la sala espositiva della magnifica Stazione FI Napoli Afragola di Zaha Hadid.
E' Cofondatrice e Editor-in-Chief del webmagazine "artapartofcult(ure)"

Commenta

clicca qui per inviare un commento